Capodogli spiaggiati, Università: “Escalation dai contorni ancora poco chiari”

Un ruolo fondamentale di studiosi Unime per la ricerca delle cause che hanno pprtato alla morte gli esemplari. Confermata la plastica killer per i due trovati nel palermitano

Una drammatica escalation dai contorni ancora incerti. Il fenomeno degli spiaggiamenti dei capodogli conta ad oggi tre capodogli spiaggiati e due avvistamenti di carcasse in mare.
Per la ricerca delle cause un ruolo fondamentale è stato ricoperto dall’equipe di studiosi del Museo della Fauna dell’Università di Messina, la notizia è stata ripresa dai media di tutto il mondo, diffusa da Greenpeace e dal Wwf.

Il gruppo di ricercatori composto da Filippo Spadola, direttore del Museo e dal Conservatore della sezione faune marine, Mauro Cavallaro, che hanno coordinato il lavoro, eseguito dal Carmelo Isgrò, componente del CTS del Museo e dagli studenti di veterinaria Jessica D’Amore, Marco Aiello, Marco Zangari ed Enrico Parenzo, è intervenuto sul posto per raccogliere ed analizzare i reperti. Attività indispensabile sia per l’identificazione della causa di questo fenomeno che per la successiva musealizzazione degli scheletri degli esemplari spiaggiati.

La prima carcassa è stata avvistata dalla rete di collaboratori del Museo della Fauna dell’Università di Messina sul litorale di Cefalù il 17 maggio: si trattava di un esemplare di circa 6 anni di età con una quantità notevole di plastica nello stomaco. Il 21 maggio si sono registrati altri due casi: uno nel palermitano, dove un maschio di 8 metri e mezzo è stato trovato con oggetti di plastica nello stomaco, ed un altro maschio di 5 metri e mezzo a Gioiosa Marea, con lo stomaco però vuoto.

Nei giorni successivi, infine, pare siano stati avvistati altri due esemplari deceduti, il primo al largo di Favignana, il secondo al largo di Stromboli. In questo caso però non è stato possibile confermare definitivamente gli avvistamenti.

Alle operazioni sul campo, assieme ai tecnici del Museo della Fauna  hanno collaborato gli enti locali mettendo a disposizione uomini e mezzi per la rimozione delle carcasse e per il loro smaltimento, i veterinari dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia di Palermo e nel primo caso è intervenuta una equipe del Dipartimento di Biomedicina Comparata e Alimentazione dell’Università degli Studi di Padova che si è occupata di approfondire alcuni studi di carattere sanitario e genetico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’ultimo decennio, sono stati segnalati 51 esemplari di capodogli spiaggiati dei quali 19 sono stati esaminati trovando in 17 casi frammenti di plastica ingerita e in 2 casi reti da pesca attorcigliate sugli animali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falcone a lutto, non ce l'ha fatta Luca Minato ferito dall'esplosione della bombola di gas

  • Onda anomala travolge barca, quattro pescatori finiscono in mare

  • Patti, bimba di nove anni cade dalla bicicletta e batte la testa: in elisoccorso al Policlinico

  • Il teatro messinese piange la morte di Donatella Venuti

  • Il lieto fine di Alessandro dopo l'incidente: "Pensavo di non poter più correre, ma ce l'ho fatta"

  • Incidente nella notte sulla Palermo-Messina, muore una 51enne: cinque i feriti

Torna su
MessinaToday è in caricamento