Il Baby Park si rinnova e cede i suoi simboli: in vendita motoscafi e go-kart

Il Vanfiori è una delle attrazioni più apprezzate dai messinesi. Intere generazioni sono passate da lì e adesso c'è la possibilità di portarsi a casa un vero e proprio cimelio

Intere generazioni di messinesi ci sono saliti a bordo e chissà quante storie avrebbero da raccontare se solo potessero. Stiamo parlando dei famosi motoscafi del Baby Park Vanfiori, simboli del parco divertimenti più apprezzato in città attivo dal 1968. Adesso l'amministrazione della struttura ha deciso di sostituirli e, leggendo i commenti sui social,  tale iniziativa sembra proprio aver creato tanto dispiacere tra i fruitori del parco. Il nuovo che avanza verrebbe da dire, il Baby Park infatti è pronto a rinnovare le sue attrazioni.

Ma per i nostalgici c'è una bella notizia: i motoscafi saranno messi in vendita. Chiunque volesse può infatti portarsi a casa il giocattolo e utilizzarlo come meglio crede. Dal Baby Park, oltre all'uso tradizionale in mare o in piscina, assicurano che fungono bene anche da fioriera. 

Non finisce qui. C'è un altro souvenir a disposizione. Il Vanfiori, infatti, è pronto a cedere anche i go-karts. Un altro gioello del parco, il sogno di ogni ragazzino quando la patente era ancora troppo lontana. Anche questi sono in vendita.

Per averli basta recarsi al Baby Park già a partire dalla prossima domenica. Visto l'attaccamento dei messinesi a questi veri e propri cimeli, c'è da giurarci che le vendite andranno a gonfie vele. 

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • Lady Gaga, italiana e me ne vanto ma a Naso la aspettano ancora

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

  • Falò a Tremestieri, condanne pesanti per i fratelli Barbuscia

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

Torna su
MessinaToday è in caricamento