Casa Cammarata non sarà abbattuta, programmata la riqualificazione

Sopralluogo a Maregrosso, il direttore lavori della via Don Blasco Antonio Rizzo ha spiegato ai consiglieri del III Quartiere cosa si farà. La soddisfazione del pentastellato Alessandro Geraci

Casa Cammarata

La casa del cavaliere Cammarata resterà in piedi e con una nuova veste. Ieri a Maregrosso, dopo un sopralluogo, il confronto al III Quartiere con l’ingegnere Antonio Rizzo, responsabile della protezione civile e direttore dei lavori della nuova Via Don Blasco, cheha illustrato come proseguiranno i lavori. A riferirlo è il consigliere del M5S Alessandro Geraci, presidente della commissione Cultura della Terza Circoscrizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo ben felici di vedere la zona di Maregrosso cambiare volto, e sapere che a breve inizieranno i lavori di protezione della Casa del Cavalier Cammarata", commenta il pentastellato, che spiega nel dettaglio gli interventi in itinere: "La pavimentazione del marciapiede è pronta per essere posata, il muretto perimetrale verrà rifatto ex-novo più basso del precedente, con una nuova ringhiera ampia e visibile, rendendo la “Casa” meglio accessibile ai visitatori. Il vecchio cancello di ingresso sarà sostituito e si sta lavorando per evitare che in futuro all'interno della struttura crescano ancora degli arbusti, potenzialmente dannosi per le pareti. Inoltre verranno inglobati dei faretti a pavimento meno invasivi dei pali della pubblica illuminazione, che renderanno la casa del puparo visibile anche di sera. Questa è solo la prima fase delle attività previste, -conclude Geraci - sono fiducioso che con un dialogo costante tra amministrazione, dipartimento, circoscrizione, e Società civile, con la collaborazione attiva di studenti e associazioni, si possa portare a compimento un progetto di ampio respiro che non riguardi solo un involucro ben fatto, ma che includa la possibilità di riempirlo con dei contenuti, coinvolgendo la cittadinanza con uno sguardo aperto al turismo culturale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Atti sessuali con una minore, noto istruttore di ginnastica artistica agli arresti

  • Blatte e scarafaggi tra panna e babà, chiusi una nota pasticceria e un laboratorio abusivo

  • Carabiniere messinese vince causa contro l'Inps, dovranno ricalcolare la pensione

  • Covid, l'ex tronista Munafò denuncia troppa superficialità a Milazzo: “Non toccate mio figlio”

  • Coronavirus: un nuovo contagiato in Sicilia, sono 130 gli attuali positivi

  • Incidente stradale a Giardini Naxos, perde la vita a 19 anni

Torna su
MessinaToday è in caricamento