A Granatari la fontana che racconta la Messina che fu, il Comitato: "De Luca pensi al suo restauro"

Un vero e proprio monumento di fine '800 poco valorizzato. Nonostante l'ok di Soprintendenza e Comune nessun intervento è stato ancora fatto. La lettera di Giovanni La Rosa in rappresentanza dei residenti della zona nord

C'è un gioiello a Granatari che racconta la Messina prima del terremoto, ma per troppo tempo è stato in preda al degrado e all'abbandono. E' la storica fontana realizzata a fine '800 trasferita da piazza del Popolo nel villaggio della zona nord subito dopo il sisma. 

A dedicare attenzione al momumento è il Comitato Messina Nord che già lo scorso marzo aveva chiesto la riqualificazione della fontana, ricevendo anche il benestare della Soprintendenza e dello stesso Comune tramite l'assessore Dafne Musolino. Le premesse c'erano tutte, ma al momento nessun intervento è stato realizzato.

Il Comitato torna quindi sull'argomento e chiede al sindaco De Luca di fare qualcosa anche per questa fontana così come sta già facendo per altri impianti cittadini. "Non vogliamo il 'miracolo'  della riattivazione - precisa Giovanni La Rosa - magari iniziamo da cose fattibilissime e immediate come ad esempio eliminare la cartellonistica stradale che nasconde in parte la fontana e installare dei fari a Led per illuminarla. E chi sa magari troviamo anche qualche imprenditore locale che vuol regalare la scritta 'benvenuti a Torre Faro' da installare, che biglietto da visita in attesa della bandiera blu".

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

  • Milazzo, "Noa discriminata" ma per il Comune è solo un caso di posti a sedere

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • "Ciao Aurora", martedì pomeriggio in Cattedrale i funerali

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

Torna su
MessinaToday è in caricamento