Progetto AccogliMe, attestato ai minori migranti che diventano guide per i crocieristi

Appuntamento conclusivo al Salone degli Specchi dopo l'attività formativa di tredici i ragazzi impegnati nel progetto che provengono da otto paesi africani ed asiatici

Appuntamento conclusivo del “Progetto AccogliME”. Si svolgerà il 3 dicembre alle 9.45 al Salone degli Specchi di Palazzo dei Leoni. Obiettivo del programma è stato quello di inserire i minori migranti non accompagnati, ospiti degli Sprar, nelle attività di informazione turistica ai crocieristi in arrivo al terminal porto di Messina, grazie anche alle loro conoscenze delle lingue inglese e francese. 

Tredici i ragazzi impegnati nel progetto che provengono da otto paesi africani ed asiatici: Repubblica di Guinea, Senegal, Gambia, Sierra Leone, Ghana, Mali, Nigeria e Pakistan. La loro attività formativa è stata curata da funzionari dell'Autorità Portuale di Messina, dai dipendenti dell’Infopoint della Città Metropolitana di Messina e dagli studenti di alcune classi dei corsi Turismo dell’istituto "Antonio Maria Jaci".

Nel corso delle ore di attività presso il terminal crocieristico, distribuite in 44 turni, i dipendenti dell'Infopoint, coadiuvati dal personale LSU della cooperativa "Il Quadrifoglio" e da dipendenti del Parco dei Nebrodi, hanno supportato i minori stranieri nell'attività informativa rivolta ai turisti sul patrimonio artistico, culturale e naturalistico della città di Messina.

Nel corso della mattinata verrà proiettato un breve video delle attività svolte ed ai ragazzi coinvolti nel progetto "AccogliME" sarà consegnato un attestato di partecipazione a dimostrazione dell’apprezzamento della loro attività.

All'incontro sono stati invitati gli assessori del Comune di Messina alle Politiche Sociali e Migrazioni, Alessandra Calafiore, ed al Turismo, Vincenzo Caruso.

Al progetto hanno partecipato la Città Metropolitana di Messina con l'Ufficio Infopoint del Servizio "Turismo", il Comune di Messina con l'Ufficio Turistico e gli Assessorati alle Politiche Sociali ed al Turismo, l'Autorità Portuale di Messina, l'Istituto Tecnico Economico Statale "Antonio Maria Jacie" e la Cooperativa Sociale Onlus Medihospes che gestisce gli SPRAR "Casa Tourè" e "Casa Michelle".

Il Progetto proseguirà con la stagione crocieristica 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scompare all'uscita di scuola, ore di ansia per un 13enne

  • Ritrovato dopo sei ore il 13enne scomparso

  • Tragedia a Minissale, donna muore in strada per un malore

  • Incidente stradale davanti al tribunale, avvocato travolto sulle strisce pedonali

  • Aggressione Santa Teresa di Riva, condannato a sette anni Francesco Saporito

  • Operazione Nebrodi, così l'elenco di tutti gli arrestati e delle ditte sequestrate

Torna su
MessinaToday è in caricamento