Alcara Li Fusi, "marcati" nove grifoni a breve spiccheranno il volo

Per gli animali previsto un periodo di acclimatamento prima del rilascio. Il professore Massa:“Analoghi progetti non hanno avuto lo stesso successo verificatosi invece sui Nebrodi"

Nella foto inanellamento grifoni Alcara Li Fusi

Grande successo per il progetto avviato 20 anni e teso a salvaguardare i volatili dei Nebrodi.  Ad Alcara Li Fusi  è stato eseguito l’inanellamento di nove esemplari appartenenti alla colonia locale.

Intervento eseguito dal professor Bruno Massa dell’Università di Palermo insieme professore Tommaso La Mantia. All’operazione hanno partecipato Natalino Cuti, inanellatore dell’Ispra- Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale -anche i colleghi dell’istituto Zooprofilattico di Palermo che, con Antonio Spinnato, consulente del Parco dei Nebrodi per il progetto grifone, hanno curato il controllo veterinario. Coinvolti anche Salvatore Calcò e Nicolino Romano dell’Associazione Ambiente Sicilia. 

Operazioni durate circa 3 ore,  per gli animali adesso è previsto un periodo di acclimatamento. I grifoni erano stati rinvenuti debilitati dopo l’involo e per questo motivo sono attualmente sotto osservazione, in attesa di essere rilasciati.

 “Analoghi progetti non hanno avuto lo stesso successo verificatosi invece sui Nebrodi, grazie anche alla forte collaborazione con la popolazione locale che ha di fatto adottato i grifoni, con aiuti anche dal punto di vista alimentare” commenta il  professore Massa. Il direttore del Parco, Filippo Testagrossa  conferma l'importanza che riveste la colonia dei grifoni  dei Nebrodi come punto strategico al centro dell'area mediterranea, dove convergono individui da tutte le aree geografiche circostanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’inanellamento di questi giorni permetterà di acquisire ulteriori elementi scientifici” commenta Luca Ferlito, che auspica nuove ed ambiziose azioni di tutela in un unico progetto nell’area euromediterranea.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il sindaco Formica: "Se bloccheranno i milazzesi a Messina verrò io a prenderli"

  • Omicidio Lorena, De Pace impassibile davanti al gip ma si dispera per l'autopsia

  • Coronavirus, il figlio di una anziana della casa di riposo Come d'incanto: “Mia madre sta morendo, mandate rinforzi agli infermieri”

  • In Sicilia la più bassa percentuale di contagi Covid, Ruggeri: “Il 25 aprile potrebbe essere la nostra nuova liberazione”

  • In cucina col mitico Priolo, inventore della brioches con due palle: ecco la ricetta passo dopo passo

  • Furto nella notte nella sede Benefit, una volontaria: “Siamo disperati ma continueremo a garantire la spesa ai bisognosi”

Torna su
MessinaToday è in caricamento