Ambulanti e rifiuti, blitz della municipale con sequestri e maxi multe: fuggi fuggi di abusivi sul viale San Martino

Ventidue violazioni a Zafferia e Santa Lucia per il conferimento di spazzatura. Nel cuore della città sequestrate 3000 cover per cellulare

Nuova serrata ondata di controlli della Polizia municipale, oltre a quelli sulla movida e la sicurezza stradale, anche per la sicurezza ambientale. Nella notte tra sabato e domenica sono state infatti presidiate le zone dove si sono registrate le maggiori discariche abusive di rifiuti.

Il bilancio registrato a fine turno è altamente positivo e conferma che i servizi di polizia specialistica e di viabilità direttta dal comandante Giovanni Giardina - con il coordinamento dellassessore Dafne Musolino e in costante contatto col sindaco, sono essenziali per restituire alla città di Messina la dimensione di una città moderna e civile. Nell’ambito del controllo al conferimento illecito rifiuti urbani (violazione ordinanza sindacale 232/18) sono state contestate nella zona di Zafferia e Santa Lucia ventidue violazioni di cui 21 per conferimento rifiuti in giornata prefestiva (sanzione 450 euro) e una per deposito rifiuti direttamente su sede stradale ( sanzione 600 euro). 

Nell’ambito commerciale, la polizia specialistica ha eseguito il sequestro di circa 10 kg patate cotte con contestuale sanzione per occupazione abusiva di suolo pubblico. I controlli sono proseguiti sul viale San Martino dove sono stati operati quattro importanti sequestri, dei quali 3 a carico di ignoti perché gli ambulanti sono fuggiti abbandonando la merce, ed uno a persona con contestuale verbalizzazione per violazione legge regionale sul commercio. In per totale sono state sequestrate circa 3000 cover per cellulare, 300 accessori e oltre 300 vetrini copri schermo per cellulare. 

Nell’ambito del servizio di controllo del territorio è stato sanzionato un utente per revisione scaduta mentre un minore, sorpreso alla guida di un ciclomotore elettrico, abusivamente modificato in motociclo, è stato accompagnato in caserma dove, raggiunto dal titolare della potestà genitoriale, sono state contestate violazioni per oltre 6000 euro e contestuale sequestro del mezzo per successiva confisca. 

Nell’ambito della movida sono stati sorpresi a circolare sul corso Cavour due veicoli sui quali erano montati impianti acustici di elevata potenza che, utilizzando l’impianto ad un volume molto alto, tanto da poter essere udito in orario notturno ad un numero indefinito di persone, recavano disturbo alla pubblica quiete ed al riposo notturno. I soggetti fermati  sono stati accompagnati negli uffici della Polizia Specialistica dove sono stati smontati gli impianti per essere sottoposti a sequestro giudiziario mentre i due conducenti sono stati deferiti alla autorità giudiziaria per il reato di cui all’articolo 659 del codice penale (disturbo della quiete pubblica).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul fronte della Viabilità e Sicurezza Urbana, il servizio movida è stato coordinato dai commissari La Rosa e Lo Presti e svolto da personale in forza al Servizio Operativo Territoriale Polizia Stradale e Sicurezza urbana  in particolare in via Garibaldi, via Cavour, via Cesare Battisti, via Primo Settembre.  Sono stati controllati n. 70 veicoli ed elevati n. 35 verbali di contestazione al codice della strada per un totale di euro 4.500,00 di sanzioni così suddivise tra posteggi in stalli riservati o divieti di sosta. Contestate anche due mancate revisioni, una guida con utilizzo di cellulare, una sosta in senso contrario alla marcia, la guida senza documenti e con mancato uso delle cinture di sicurezza. Infine una persona è stata denunciata per guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche con relativa sospensione della patente di guida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sono sola in casa, non mangio da cinque giorni", i messaggi choc degli anziani messinesi durante il coronavirus

  • Crescono i contagi di Coronavirus, in Sicilia più morti che guariti: deceduto un 55 enne messinese

  • Coronavirus, rabbia social di Giuliana De Sio per i contagi: “Scellerati mi danno dell'assassina”

  • Dipendente al centro commerciale di Tremestieri con la febbre: disposte le quarantene

  • Orrore a Furci, studentessa di Medicina strangolata dal compagno

  • Omicidio Lorena, De Pace impassibile davanti al gip ma si dispera per l'autopsia

Torna su
MessinaToday è in caricamento