Ripartono i cantieri di servizio, De Luca: "Nessuna grave irregolarità ma i Rup devono essere più vigili"

I lavoratori potranno riprendere il servizio il prossimo 21 ottobre. La decisione del primo cittadino dopo lo stop disposto in seguito all'incidente della "Cannizzaro - Galatti"

Dopo lo stop di una settimana, i cantieri di servizio sono pronti a ripartire. Lo ha annunciato il sindaco Cateno De Luca.

Era stato lo stesso primo cittadino, lunedì scorso, a bloccare tutti gli interventi previsti in agenda dopo l'incidente del 10 ottobre in cui è rimasto coinvolto un operaio di 56 anni mentre lavorava alla scuola "Cannizzaro - Galatti".  Le condizioni dell'uomo, ricoverato al reparto di Rianimazione del Policlinico, restano disperate.

Sull'episodio indagano le forze dell'ordine e l'Ispettorato del Lavoro anche alla luce delle accuse mosse dalla Uil. Con una nota dei segreatari Ivan Tripodi e Pasquale De Vardo, il sindacato aveva sottolineato come il 56enne fosse impegnato in un'attività che non gli competeva. Tripodi e De Vardo hanno puntato il dito contro l'amministrazione comunale, chiedendo il rispetto delle leggi e delle norme in materia di sicurezza e prevenzione”. 

E sulla stessa sicurezza erano stati gli stessi responsabili del procedimento a nutrire alcune perplessità, ribadendo la loro intenzione di non far ripartire i cantieri prima di ricevere adeguate garanzie sulle norme da rispettare.

Ma secondo quanto affermato da De Luca nessuna grave criticità sarebbe stata evidenziata. "Non mi risulta - ha spiegato il sindaco -  che siano state riscontrate delle specifiche e gravi irregolarità ma i Rup devono essere più vigili e più presenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Misteri e magie dello Stretto, è tornata la Fata Morgana

  • Morte Provvidenza Grassi, maxi risarcimento ai familiari e condanne per tre funzionari del Cas

  • Incidente stradale vicino Villa Dante, tra i feriti un bimbo

  • Ioppolo in tribunale per l'omicidio dell'ex fidanzata rischia il linciaggio, quindici militari per fermare la rabbia

  • Comune di Tortorici nella bufera dopo gli arresti per mafia, “Andiamo avanti per il bene del paese”

  • Omicidio Musarra, dopo il rischio aggressioni l'avvocato di Ioppolo chiede di spostare il processo

Torna su
MessinaToday è in caricamento