Sant'Agata Militello, navigavano in area riservata alla balneazione: 17 multe dalla Guardia costiera

Sequestrati anche due natanti sprovvisti di polizza assicurativa. Così i controlli da Tusa a Brolo per la Campagna “Mare Sicuro”

Fine settimana di intenso lavoro per gli uomini dell’Ufficio circondariale marittimo di Sant’Agata Militello, impegnati lungo tutto il territorio di giurisdizione a mare e sulle spiagge per la verifica del rispetto delle norme che regolano la sicurezza della navigazione e le attività turistico-balneari.

In particolare, la Motovedetta CP 566, impegnata in operazioni di polizia marittima e di vigilanza ambientale nell’ambito della Campagna Mare Sicuro 2019, ha assicurato da Tusa a Brolo il sicuro svolgimento delle attività balneari e diportistiche, elevando 17 verbali amministrativi a natanti ed imbarcazioni da diporto per navigazione e sosta in area riservata alla balneazione, in violazione alla vigente Ordinanza di sicurezza balneare.

In due casi, a seguito di specifiche più approfondite verifiche da parte dei militari della Guardia Costiera, è scattato il sequestro amministrativo di due natanti in quanto sprovvisti dell’obbligatoria polizza assicurativa.

Nei prossimi giorni, in previsione del periodo di Ferragosto, verrà maggiormente incrementato lo sforzo di carattere operativo di uomini e mezzi per garantire a tutta la collettività ed alle migliaia di turisti che affolleranno il litorale neibrodeo di vivere un sicuro e sereno momento di riposo estivo.

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • Lady Gaga, italiana e me ne vanto ma a Naso la aspettano ancora

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

  • Falò a Tremestieri, condanne pesanti per i fratelli Barbuscia

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

Torna su
MessinaToday è in caricamento