Coronavirus frena le donazioni di sangue, appello dal Papardo: “Nessun pericolo per chi dona”

Domenica 8 marzo porte aperte al centro di medicina trasfusionale. Paino: “Fondamentale dare il proprio contributo soprattutto a Messina che è una città che cronicamente soffre di questa carenza”

Drastico calo in tutta Italia sulle donazioni del sangue per le paure legate al Coronavirus. Non si contano più gli appelli degli addetti ai lavori, soprattutto in Sicilia  a Messina che soffre già la carebza cronica di donatori.

Il Papardo ricorda che domenica 8 marzo, come ogni seconda domenica del mese, si potrà dare una mano a fronteggiare l'emergenza. Il Centro di Medicina Trasfusionale, dalle ore 8 alle ore 11.30 aprirà le porte ai donatori. L’ingresso avviene direttamente dal piazzale esterno dell’Ospedale (di fronte al Pronto Soccorso) ed è esclusivo per i donatori. Si può donare senza prenotazione, esibendo documento di identità e tessera sanitaria, anche tutti i giorni da lunedì a sabato dalle ore 8 alle ore 11.30 (è ammessa una leggera colazione senza assunzione di latte e latticini, è quindi possibile quindi bere acqua, thè, caffè anche zuccherato, mangiare una fetta biscottata con della marmellata) e il martedì pomeriggio dalle 14.30 alle 17 (è ammesso un pranzo leggero due ore prima della donazione con pasta semplice, bistecca arrosto, insalata, frutta).

“E’ fondamentale - si legge in una nota del direttore generale Mario Paino - continuare a donare il sangue, soprattutto a Messina che è una città che cronicamente soffre di questa carenza. Negli ultimi giorni, con l’allarme del Coronavirus, si è registrato in tutta Italia e a Messina in particolare un calo delle donazioni che può mettere a rischio numerose attività del sistema sanitario”.

Il direttore del Centro Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera Papardo rassicura: “Non vi è alcuna evidenza scientifica di trasmissione di Coronavirus attraverso la trasfusione. Chi è in buona salute, tra i 18 e i 65 anni, venga a donare. Oltre le già previste misure di sospensione temporanee alla donazione di sangue (ad esempio: 4 mesi dall'applicazione di piercing, tatuaggi, interventi chirurgici, esami endoscopici, rapporti sessuali occasionali), è prevista la sospensione dalle donazioni per 14 giorni per chi torna dalla Cina, ha transitato nelle ‘zone rosse’, ha contratto l’infezione da Coronavirus o è stato a contatto stretto con persone che l’hanno avuta.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si ricorda che chi non ha mai donato o chi non dona da oltre due anni, almeno tre giorni prima della donazione dovrà effettuare presso il Centro Trasfusionale la "predonazione", ovvero una visita e un prelievo di sangue preliminare di controllo per valutare l’idoneità alla donazione stessa. Anche in tal caso è possibile al mattino una leggera colazione. Al Centro Trasfusionale del Papardo viene effettuata, su prenotazione ai n. 0903992437, 0903993507, la raccolta di plasma e/o piastrine con procedura aferetica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denuncia per vilipendio al sindaco, lettera di un giovane messinese: “Ho paura anche io, ma De Luca esagera”

  • Spara in una tabaccheria al rione Provinciale, ferisce una donna e poi si uccide

  • Ancora file e caos sui traghetti Messina-Calabria, l'ira di Musumeci: "Pretendo maggiori controlli e il rispetto del decreto"

  • Il capo della polizia ferma De Luca: "Vietato l'uso dei droni"

  • I colpi di spranga alla moglie, la richiesta di un gratta&vinci e poi gli spari al tabacchino: cronaca di una mattinata di follia

  • Coronavirus, 50mila mascherine dalla Cina a Merì: il grande gesto di solidarietà in onore del maestro Chinnici

Torna su
MessinaToday è in caricamento