Falò di Ferragosto a Tremestieri, resistenza a pubblico ufficiale e incendio doloso: due arresti

Si tratta di Domenico e Giosuè Barbuscia di 38 e 22 anni. Sono ai domiciliari in attesa del rito per direttissimo

Con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale e incendio doloso la Polizia ha arrestato a Messina un 38enne e un 20enne, Domenico e Giosuè Barbuscia. La notte di Ferragosto, durante un servizio mirato a verificare il rispetto dell'ordinanza sindacale che dispone il divieto di accensione di falò in spiaggia, vigili urbani e polizia metropolitana hanno scoperto una grande quantità di legname accatastato sui massi frangiflutti nella zona di Tremestieri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando hanno avviato le operazioni per la rimozione del materiale alcuni cittadini hanno iniziato a insultarli, minacciando di appiccare il fuoco al legname. Immediatamente è stato chiesto l'intervento della Polizia, che ha fatto scattare le manette ai polsi del 38enne e del 20enne. Entrambi sono stati posti ai domiciliari in attesa del rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Festa della Repubblica e Madonna della Lettera, nuove disposizioni per negozi: aperti anche i mercati

  • Infermiere morto nell’incidente stradale, Nursind: “Intitoliamogli la postazione Gazzi del 118”

  • Dopo il lockdown Salvini torna a girare l'Italia: farà tappa anche a Messina

  • Telecovid Sicilia al Centro Neurolesi, esposto in procura contro il direttore scientifico Bramanti

  • Acque reflue nel lago grande di Ganzirri, sequestrata la condotta e denunciati i responsabili

  • Asp, dimissioni a sorpresa del direttore sanitario: per i sindacati non aveva i requisiti

Torna su
MessinaToday è in caricamento