Falò a Tremestieri, condanne pesanti per i fratelli Barbuscia

I due arrestati nella notte di ferragosto per aver acceso il legname e offeso le Forze dell'ordine sono stati condannati a quattro e a due anni e quattro mesi

Il falò acceso a Tremestieri nella notte di ferragosto

Condanne importanti per i due arrestati nella notte di ferragosto a Tremestieri. Per resistenza a pubblico ufficiale e incendio doloso il tribunale ha condannato a quattro anni Domenico Barbuscia, 38 anni, a due anni e quattro mesi il fratello Giosué di 22 anni.

Erano coloro che avevano acceso il falò nella zona sud nonostante i divieti del sindaco De Luca che personalmente insieme alla polizia municipale aveva verificato in tutta la costa che l'ordinanza fosse rispettata. La difesa dei Barbuscia presenterà ricorso perché considera le pene molto pesanti. Ad arrestare i due Barbuscia la polizia allertata dopo che vigili urbani e polizia metropolitana avevano scoperto una grande quantità di legname accatastato sui massi frangiflutti a Tremestieri. Secondo le indagini quando i vigili avevano avviato le operazioni per la rimozione del materiale cittadini avevano iniziato a insultarli, minacciando di appiccare il fuoco al legname. Scattato l'arresto dei Barbuscia che erano stati posti ai domiciliari. 

Divieto di falò, due arresti nella notte di ferragosto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso a Messina ma non è il ceppo "cinese": "Nessun allarme"

  • Da alcuni giorni non si avevano più sue notizie, anziana trovata cadavere in via del Carmine

  • Cede un tombino in via Dei Mille, 57enne sprofonda per cinque metri

  • "Abusi sessuali su paziente dopo averla drogata", infermiere del Policlinico in ferie forzate

  • Concorso Messina Servizi, ci sono esclusi tra i primi duecento in graduatoria

  • L’appello di una donna catanese: “Cerco una bimba ricoverata al Piemonte più di 50 anni fa, fu il mio angelo"

Torna su
MessinaToday è in caricamento