Perseguita l'ex nonostante il divieto di avvicinamento, arrestato 46enne

L'uomo si trova adesso ai domiciliari. E' ritenuto responsabile di atti persecutori e lesioni personali dopo le indagini dei carabinieri

Continuava a perseguitare l'ex compagna nonostante fosse stato raggiunto da un divieto di avvicinamento. I carabinieri di Merì hanno quindi posto agli arresti domiciliari un uomo di 46 anni ritenuto responsabile di atti persecutori e lesioni personali.

Il provvedimento cautelare, emesso dalla corte di appello di Messina su richiesta della Procura della Repubblica, ha sostituito, aggravandola, la misura cautelare del divieto di avvicinamento alla ex convivente già applicata all’uomo il quale, a seguito delle indagini dei carabinieri, è attualmente sottoposto a processo poiché imputato di condotte persecutorie all’indirizzo della ex convivente, culminate in un episodio di violenza fisica.

La misura degli arresti domiciliari applicata ieri scaturisce dalla richiesta di aggravamento della misura cautelare in corso avanzata dall’Arma di Merì che ha documentato diversi e reiterati episodi in cui l’uomo, violando le prescrizioni imposte dal giudice, ha continuato a seguire la donna nei suoi spostamenti e ad inviarle messaggi . Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato accompagnato nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

  • Milazzo, "Noa discriminata" ma per il Comune è solo un caso di posti a sedere

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • "Ciao Aurora", martedì pomeriggio in Cattedrale i funerali

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

Torna su
MessinaToday è in caricamento