Picchiava l'ex compagna anche davanti al figlioletto, arrestato 38enne

Una lunga storia di violenza a cui i poliziotti hanno messo la parola fine. Ieri l'intervento in una zona periferica di Messina

Era arrivato al punto di picchiare e insultare l'ex compagna anche in presenza del figlio minore, l'atto più cruento di una storia che andava avanti da tempo. A porre la parola fine alla vicenda ci hanno pensato i poliziotti che nella tarda serata di ieri sono intervenuti dopo la chiamata disperata della donna. Il suo ex compagno, un 38enne messinese, si era infatti appostato sotto casa urlando e minacciando lei e i suoi familiari. 

Immediato l'intervento degli agenti, ma l'uomo ha continuato a inveire e ad alzare il tono della voce. Sono quindi scattate le manette.

Dalle indagini è emerso che il 38enne si era reso protagonista di costanti maltrattamenti e percosse, spesso accompagnati dall’abuso di sostanze stupefacenti e di alcool, che avevano portato la donna
ad allontanarsi assieme ai figli, dopo molti anni di convivenza. Nonostante l’interruzione della convivenza, l’uomo ha continuato a perseguitarla in modo ossessivo e, da ultimo ieri pomeriggio, non ha esitato a porre in essere nuovamente le condotte aggressive in presenza del figlio minore e di un’amica, minacciata anch’ella pesantemente affinché non frequentasse più la sua ex.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria, l'uomo  è stato sottoposto agli arresti domiciliari per i reati di maltrattamenti in famiglia, atti persecutori e per il reato di minacce gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scompare all'uscita di scuola, ore di ansia per un 13enne

  • Ritrovato dopo sei ore il 13enne scomparso

  • Tragedia a Minissale, donna muore in strada per un malore

  • Incidente stradale davanti al tribunale, avvocato travolto sulle strisce pedonali

  • Arsenale della 'ndrangheta nei fondali, maxi ritrovamento dei carabinieri subacquei di Messina

  • Operazione Nebrodi, così l'elenco di tutti gli arrestati e delle ditte sequestrate

Torna su
MessinaToday è in caricamento