Raid vandalico in centro, gettata a terra una scultura e imbrattata una panchina

Ignoti hanno danneggiato una delle sculture collocate nella rampa Serena dall'artista Michele Caliò, imbrattata anche una panchina decorata da Puli-Amo Messina

Il leone marino gettato a terra

Forse per il caldo, forse per la noia c'è chi non trova di meglio da fare che imbrattare e distruggere l'arredo urbano cittadino. Nel giro di poche ore due atti vandalici sono stati registrati nelle vie del centro.

Il primo ha visto ignoti gettare a terra uno dei leoni marini collocati recentemente lungo la rampa della Colomba che collega via Sant'Agostino con il santuario di Montalto. La scultura, realizzata dall'artista Michele Caliò, è stata prontamente rimessa a posto.

Poco dopo nel mirino dei vandali è finita una panchina artistica posta in prossimità del teatro Vittorio Emanuele,  decorata da Puli-Amo Messina. Sono stati proprio i volontari dell'associazione a scoprire il gesto dichiarandosi subito pronto a pulire le scritte offensive che hanno deturpato l'elemento di arredo urbano. "Il degrado sociale - precisa Puli-Amo Messina -  passa anche dalla totale mancanza di rispetto verso i beni comuni e il patrimonio artistico culturale della città. Bisogna essere resilienti al degrado: se 100 sono i gesti deprecabili, 101 dovranno essere le azioni per combattere ed estinguere queste inaccettabili offese alla nostra cultura, arte, storia".

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • Lady Gaga, italiana e me ne vanto ma a Naso la aspettano ancora

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

  • Falò a Tremestieri, condanne pesanti per i fratelli Barbuscia

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

Torna su
MessinaToday è in caricamento