Scene da Suburra al M'ama, gruppi di ragazzi si scontrano nella notte

Testimoni raccontano di aver visto due gruppi di ragazzi scontrarsi e sangue anche nel bagno. Sul posto carabinieri e polizia ma prima delle tre tutto è tornato alla normalità

Qualcosa è successo stanotte al M'ama. Qualcosa che è finita anche col sangue ma sono tutti abbottonati, compresi quelli che hanno assistito alla scena e sono riusciti miracolosamente a fuggire via.

Una lite per motivi banali scoppiata all'interno del locale ha rischiato di avere conseguenze gravissime. Mezzo minuto ma ne scaturisce una aggressione particolarmente violenta con scene di panico e terrore. Di certo si sa che nella notte due gruppi di ragazzi si sono scontrati. Alcuni testimoni raccontano di aver visto gente insanguinata, urla e botte, e hanno tentato di fuggire via.

Sembra anche che l'ingresso del lido di Grotte, sia stato chiuso o per non fare vedere all'esterno quello che succedeva - mentre si aveva già contezza dell'arrivo di un gruppo d'appoggio in soccorso ai perdenti - o forse per aspettare l'arrivo di carabinieri e polizia evitando che qualcuno degli aggressori fuggisse.

Sul posto nel giro di pochi minuti sono intervenute infatti le pattuglie sia della polizia che dei carabinieri, sei in tutto le volanti, e già alle tre la situazione era tornata alla normalità ma - secondo le testimonianze della gente che ha vissuto la drammatica esperienza - qualcuno ha rischiato di rimetterci le penne. 

Appena due mesi fa sono stati condannati a 14 anni di reclusione in appello Alessandro Cutè e Gianfranco Aloisi, i due giovani responsabili della sparatoria al lido-discoteca M'Ama di Grotte, in cui rimase gravemente ferita una trentaquattrenne di Briga Marina, adesso fuori pericolo di vita. I giudici d'appello hanno confermato l'accusa di tentato omicidio. Era la notte del 22 luglio 2017.

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

  • Milazzo, "Noa discriminata" ma per il Comune è solo un caso di posti a sedere

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • "Ciao Aurora", martedì pomeriggio in Cattedrale i funerali

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

Torna su
MessinaToday è in caricamento