Sbarco migranti dell'Aita Mari, fermati due presunti scafisti

Un 23enne e un 14nne gravemente indiziati di aver commesso atti diretti a procurare illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato dei cittadini extracomunitari

Fermati due presunti scafisti a bordo della nave Ing Aita Mari giunta ieri al porto di Messina. A bordo 158 migranti che erano stati soccorsi nei giorni precedenti in acque internazionali dove erano stati intercettati su imbarcazioni carenti di dotazioni di sicurezza.

 Ad attenderli, ieri 13 febbraio, sulla banchina del molo Norimberga, c’erano, anche gli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Messina e del Gico della Guardia di Finanza che hanno avviato immediate indagini volte all’individuazione di presunti scafisti.

In particolare, gli investigatori hanno colto, fin da subito, gli elementi degni di approfondimento, grazie anche alle informazioni fornite da alcuni migranti.

Le versioni di coloro che sono stati ascoltati come testimoni sono risultate attendibili e hanno consentito di ricostruire quanto avvenuto prima della partenza. In alcuni casi, i migranti, dopo aver pagato una somma di denaro, sono stati trasportati in Libia dove hanno trascorso alcuni giorni in attesa di intraprendere il viaggio verso l’Italia e, successivamente, sono stati portati in una spiaggia dove alcuni uomini li hanno fatti salire su un’imbarcazione in legno.

L’attività info investigativa, seguita alle consuete operazioni di sbarco, coordinata dalla Procura di Messina, ha permesso di individuare e di procedere al fermo di indiziato di delitto nei confronti di un soggetto e di deferire in stato di libertà un altro.  

Si tratta di N.S., cittadino del Gambia di 23 anni, e di un cittadino della Guinea di 14 anni. Entrambi sarebbero saliti a bordo dell’imbarcazione senza alcuna costrizione o minaccia e senza aver fatto parte del gruppo di migranti precedentemente detenuti nella casa libica in attesa della partenza e, pertanto, considerati gravemente indiziati di aver commesso atti diretti a procurare illegalmente l’ingresso nel territorio dello Stato dei cittadini extracomunitari.

Il Sostituto Procuratore della Repubblica competente ha disposto la traduzione del ventitreenne presso la Casa Circondariale di Gazzi, in attesa della convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un caso a Messina ma non è il ceppo "cinese": "Nessun allarme"

  • Da alcuni giorni non si avevano più sue notizie, anziana trovata cadavere in via del Carmine

  • Cede un tombino in via Dei Mille, 57enne sprofonda per cinque metri

  • "Abusi sessuali su paziente dopo averla drogata", infermiere del Policlinico in ferie forzate

  • Sorpresi a fare sesso in piazza Repubblica: multa e daspo per una coppia focosa

  • Il tesoretto all'estero di Francantonio Genovese? Va restituito con gli interessi

Torna su
MessinaToday è in caricamento