Sequestrato il depuratore Irsap, De Luca: "La magistratura ha premiato il nostro lavoro"

Sigilli posti dal nucleo Tutela del territorio della polizia municipale. Il Comune aveva denunciato lo sversamento dei liquami nel torrente di Larderia. Il provvedimento dopo l'ordinanza sindacale di giugno

Questa mattina il nuclelo Tutela del territorio della polizia municipale, coordinato dal comandante Giovanni Giardina, ha posto i sigilli al depuratore Irsap di Larderia.

Il provvedimento scaturisce dai controlli dell'amministrazione comunale che già lo scorso giugno aveva vietato ad Irsap di immettere i reflui delle attività che operano nell’insediamento artigianale nella rete fognaria comunale se non si fosse provveduto ad ripristino dell’impianto di depurazione dell’area. Il monitoraggio ha infatti rilevato la presenza di reflui provenienti dall'impianto nel torrente Larderia.

"L’attività di prevenzione e tutela ambientale - spiega il sindaco De Luca -  è stata ispirata al principio di cautela in forza del quale l’amministrazione ha ritenuto di intervenire immediatamente per fare cessare la causa dell’inquinamento, diffidando il titolare dell’area a cessare la condotta inquinante e vietando ogni azione se non fosse stata previamente accertata la cessazione della condotta inquinante”.

Sulla vicenda è intervenuto anche l'assessore all’Ambiente, Dafne Musolino che aveva concordato con Irsap,  Amam e Arpa Messina un percorso per consentire alle singole attività operanti nell’area di potersi allacciare alla rete fognaria comunale, previa richiesta di autorizzazione alla stessa Amam e realizzazione dell’allaccio, dimostrando in tal modo che oltre alla cautela e alla tutela ambientale, l’amministrazione operava concretamente per assicurare alle aziende di potere continuare ad operare.

“Il provvedimento cautelare di questa mattina – precisa Musolino – che in alcun modo coinvolge l’amministrazione comunale, dunque costituisce una conferma che in un territorio abbandonato da troppi anni all’incuria ed a forme di inquinamento estese, la corretta e tempestiva applicazione dei poteri di cautela e di tutela ambientale, esercitati con tempestività e con fermezza dal sindaco De Luca, costituiscono gli strumenti per recuperare finalmente un territorio bellissimo che è stato deturpato per troppo tempo nella indifferenza generale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anziana picchiata, derubata e violentata: fermati due minori da “Arancia meccanica”

  • Fiamme alla Raffineria di Milazzo, torna la paura

  • Clan di Giostra senza regole, la moglie del boss al figlio: "L'hai fatta grossa, vattene via da Messina"

  • Un detenuto si suicida e un agente rischia di morire strangolato, l'inferno dell'Ottavo reparto all'ex Opg

  • In bagno con i topi, è guerra sulla sicurezza al consorzio autostrade dopo la multa a Minaldi

  • Pronto soccorso per i disturbi della psiche, arriva uno sportello h24

Torna su
MessinaToday è in caricamento