“Cura Italia”, l'imprenditore Faranda scrive al premier: “Aiutate chi è stato escluso dal decreto"

L’amministratore di Fontalba spiega l’esigenza di tutelare tutte le categorie che non rientrano nel recente provvedimento: “Crollano entrate e liquidità, tasse non sospese. Chiusura fino ad aprile? Sì, se necessaria, ma con interventi e misure adeguate”

L'imprenditore Alessandro Faranda

“Da un lato aumentano le spese per tutelare la salute e l’igiene dei nostri lavoratori, garantire la produzione di beni essenziali e quindi il posto di lavoro dei dipendenti e l'indotto, dall’altro sono crollate le entrate per la chiusura di attività commerciali e quindi scarsa liquidità e difficoltà a pagare i fornitori; tasse non sospese ma solo rinviate di qualche giorno, cronica difficoltà ad avere accesso al credito bancario e il grande timore della proroga in aprile, necessaria per la salute pubblica, ma forse non accompagnata da nuovi interventi incisivi e diffuseiper far ripartire l’intero tessuto economico nazionale”.

Sono alcuni dei punti nevralgici oggetto della lettera inviata da Alessandro Faranda, amministratore di Fontalba, al premier Giuseppe Conte e al ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, per sensibilizzare il Governo in merito al decreto “Cura Italia” e accendere i riflettori su alcune importanti questioni. L’imprenditore messinese lancia un appello in difesa di tutte le categorie produttive, invitando il Governo a adottare, al più presto, ulteriori misure economiche e fiscali che abbraccino una più ampia platea di beneficiari: “Ci sono aziende che hanno fatturati importanti, ad esempio oltre i 2 milioni di euro, che rappresentano una grossa fetta del PIL nazionale, hanno tanti dipendenti e muovono preziosi indotti economici, ma ci sono anche i lavoratori autonomi: molti di questi non sono destinatari di adeguati aiuti da parte dello Stato per far fronte allo stato di crisi. Bisogna andare incontro a tutti se davvero vogliamo evitare una recessione e riprenderci il prima possibile da questa tragica emergenza che è sanitaria e al contempo economica”. Il Sud come il Nord soffre inevitabili conseguenze dirette e indirette, che vedremo meglio nei prossimi mesi, i cui effetti e rischi vanno valutati già adesso con misure adeguate e dettagliate, prima che le imprese chiudano battenti e licenzino.

Nel caso di Fontalba, l’impresa sta continuando ad assicurare l’imbottigliamento di acqua, considerato bene essenziale, ma con grandi difficoltà: “Naturalmente le forniture di prodotto in questo momento sono maggiormente concentrate sulla Grande Distribuzione Organizzata (G.D.O., quindi supermercati) - scrive nella missiva - in ragione della chiusura di bar, pub, ristoranti, etc. su tutto il territorio nazionale. Il perdurare di una simile situazione seppur apparentemente tenda a garantire una strenua continuità operativa aziendale, benché contraddistinta da un’importante riduzione del volume di affari, rischia invece, nella realtà dei fatti, di compromettere, in assenza di misure urgenti e significative, la prosecuzione dell’attività imprenditoriale. Dobbiamo far fronte ad una carenza di liquidità quindi al concreto rischio di insolvenza, giustificata dal fermo generale; si parla già di probabile proroga del DPCM di chiusura delle attività fino al 18 aprile: "La salute - prosegue Faranda - è al primo posto, quindi se è necessario rimanere a casa ancora per qualche settimana, non dobbiamo esimerci da questo dovere civico con coscienza e senso di responsabilità per tutelare e tutelarci, ma tutto ciò deve essere accompagnato da un forte e dirompente aiuto all'economia, a tutte le realtà produttive, industriali e imprenditoriali, nessuno escluso. Dalla più piccola alla più grande".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ripartire, ad esempio, serve probabilmente tagliare spese pubbliche inutili e superflue, ridurre realmente le tasse che hanno raggiunto livelli inaccettabili e molto più alti di altri Paesi. Faranda conclude con la speranza che a breve il Governo possa varare nuovi decreti: “Per non lasciare indietro davvero nessuno. Il mio appello corrisponde a quello di tantissimi colleghi, delusi dal decreto Cura Italia e già sul piede di guerra, perchè si aspettavano molto di più. Sono sicuro e fiducioso che il premier e la sua squadra lavoreranno sodo per assicurare il futuro del sistema Italia, a partire dal singolo lavoratore costretto a stare a casa in questo momento alla più grande e articolata azienda”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Denuncia per vilipendio al sindaco, lettera di un giovane messinese: “Ho paura anche io, ma De Luca esagera”

  • Spara in una tabaccheria al rione Provinciale, ferisce una donna e poi si uccide

  • Ancora file e caos sui traghetti Messina-Calabria, l'ira di Musumeci: "Pretendo maggiori controlli e il rispetto del decreto"

  • Il capo della polizia ferma De Luca: "Vietato l'uso dei droni"

  • I colpi di spranga alla moglie, la richiesta di un gratta&vinci e poi gli spari al tabacchino: cronaca di una mattinata di follia

  • Coronavirus, 50mila mascherine dalla Cina a Merì: il grande gesto di solidarietà in onore del maestro Chinnici

Torna su
MessinaToday è in caricamento