Bramanti a De Luca un anno dopo, "Dimettiti prima di dicembre"

Dopo mesi di silenzio il capogruppo al Comune della Lega torna ad attaccare il sindaco e si allinea alle richieste di Pd e Cinquestelle. Dodici mesi fa i due al ballottaggio non se l'erano mandate a dire

Il capogruppo della Lega in Consiglio Dino Bramanti

Un anno fa erano i rivali al ballottaggio. Cateno De Luca divenne sindaco e lui, Dino Bramanti, dopo aver lasciato Forza Italia è oggi capogruppo della Lega in Consiglio. "Chiederemo al primo cittadino di dimettersi prima di dicembre" - dice oggi Bramanti dopo le polemiche tra De Luca e gran parte degli esponenti politici che non intendono più seguire la linea dell'amministrazione. 

Lo "scontro" tra il sindaco e il Consiglio

"A un anno dalle elezioni continua lo scontro da perenne campagna elettorale - afferma Bramanti che torna a parlare dopo mesi nei quali il partito ha volutamente mantenuto un profilo basso e spiega i motivi di questa scelta: "E' stata una posizione ben precisa, un modo per lavorare e contribuire al bene della città senza scontri diretti o indiretti con il sindaco, che potevano apparire agli occhi dei cittadini strumentali e figli delle scorie e conflitti legati alla precedente campagna elettorale, nonché al ballottaggio finale. Alla luce di quanto sta accadendo in questi ultimi giorni devo, però, prendere atto che il nostro senso istituzionale non è servito a nulla".

De Luca ha minacciato di dimettersi a dicembre se il Consiglio non modificherà i suoi piani contro le scelte della giunta. Da segnalare che il sindaco in Consiglio non ha un solo esponente eletto alle amministrative di un anno fa. 

Bramanti si aggiunge alle richieste di dimisioni immediate del sindaco che negli ultimi giorni erano arrivate da più parti del Consiglio: Antonella e Alessandro Russo del partito democratico, da Libero Gioveni con l'associazione Radici e dai componenti del movimento Cinquestelle. De Luca ha più volte ribadito l'intenzione di lasciare a dicembre il mandato se il Consiglio procederà autonomamente su una linea non condivisa con l'amministrazione. Per il primo cittadino riuscire ad avere una maggioranza stabile in aula si fa sempre più complicato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalle corse intorno al lago di Ganzirri all'esordio in serie A contro l'Inter: la favola di Massimiliano Mangraviti

  • Incidente sull'autostrada Messina-Palermo, è morto il musicista Claudio Paci

  • Cocaina nascosta nell'airbag, acciuffato il broker della droga: ha 71 anni

  • Musicisti sotto choc per la morte di Claudio: "Potevo esserci io al suo posto"

  • Brutto incidente ad Antillo, ma l'ambulanza di Letojanni è rotta: soccorsi dopo un'ora e senza medico a bordo

  • Incidente nella notte sull'autostrada Messina-Palermo, morto un musicista

Torna su
MessinaToday è in caricamento