All'hotspot Gasparro Salvini riduce l'accoglienza ai migranti, l'ex caserma è vuota

Il sindacato Fp Cgil denuncia cosa non va a Bisconte dove le misure del ministero degli Interni stanno incidendo sulla gestione e il personale della cooperativa Badia Grande

il ministro degli Interni Matteo Salvini

Le politiche sull'accoglienza ai migranti introdotte dal ministro degli Interni Matteo Salvini toccano anche Messina e l'hotspot  che si trova alla caserma Gasparro. Cosa sta succedendo alla struttura di Bisconte lo segnala la Funzione Pubblica Cgil che parla di situazione insostenibile: "Le politiche messe in atto dal ministro dell’Interno hanno letteralmente messo in ginocchio il settore dell’accoglienza, lasciando a casa oltre 15 mila persone, per lo più under 35. In compenso, chi il posto di lavoro non lo ha ancora perso, non riceve lo stipendio. E’ il caso dei dipendenti impiegati presso l’hotspot di Messina istituito all’interno della Caserma Gasparro-Bisconte e gestito dalla cooperativa Badia Grande". Il segretario della Fp Cgil, Francesco Fucile e la componente di segreteria, Elena De Pasquale, intervengono sulla questione evidenziando come "La situazione, per gli operatori impiegati all’interno della struttura, attualmente priva di ospiti, ma dove è comunque necessario garantire la turnazione minima, sia diventata insostenibile. Lo scorso mese di aprile i lavoratori hanno percepito lo stipendio di dicembre 2018 e ad oggi non hanno ancora ricevuto nessuna mensilità relativa al 2019. La cooperativa, nonostante le richieste di incontro non siano mancate – continuano i rappresentanti sindacali – non fornisce alcun riscontro". La cooperativa Badia Grande si è aggiudicata (ma si attende ancora l’aggiudicazione definitiva) la nuova gara bandita dalla Prefettura relativa alla gestione dell’hotspot e, relativamente al personale, prevede, tra l’altro, l’applicazione delle nuove griglie ministeriali, con una netta riduzione delle ore di lavoro. "La notizia – commenta la Fp Cgil – ha inevitabilmente generato apprensione tra i lavoratori, i quali temono di vedere ulteriormente affossata la loro situazione. Alla luce di ciò, a breve inoltreremo alla Prefettura una richiesta di incontro, cui prenda parte anche la cooperativa Badia Grande, al fine di risolvere, nel più breve tempo possibile, il problema relativo alla mancata retribuzione degli stipendi ai lavoratori. Non è accettabile, infatti, che quest’ultimi, già profondamente scossi da quanto sta interessando il settore dell’accoglienza, non abbiano neanche la possibilità di ottenere quanto gli spetta di diritto, soprattutto dopo l’impegno e i sacrifici spesi all’interno dell’hotspot". 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il sindaco Formica: "Se bloccheranno i milazzesi a Messina verrò io a prenderli"

  • Omicidio Lorena, De Pace impassibile davanti al gip ma si dispera per l'autopsia

  • Coronavirus, il figlio di una anziana della casa di riposo Come d'incanto: “Mia madre sta morendo, mandate rinforzi agli infermieri”

  • Coronavirus, la Sicilia regge al "picco": a Messina ricoveri a -3 e un solo decesso

  • In Sicilia la più bassa percentuale di contagi Covid, Ruggeri: “Il 25 aprile potrebbe essere la nostra nuova liberazione”

  • In cucina col mitico Priolo, inventore della brioches con due palle: ecco la ricetta passo dopo passo

Torna su
MessinaToday è in caricamento