Pidocchi in un paziente morto all'ospedale di Milazzo, De Luca chiede audizione dei vertici dell'Asp

L'intero management dell'Azienda sanitaria e del nosocomio mamertino convocati in commissione salute dal deputato del Movimento5Stelle

Antonio De Luca

“Come rappresentanti delle istituzioni, abbiamo il dovere di fare piena luce su quanto accaduto all’ospedale di Milazzo, dove un 56enne morto per Sla è stato trovato dai familiari pieno di pidocchi. Per questo ho chiesto che venga convocato, per un’audizione in commissione Salute all’Ars, l'intero management dell’Asp di Messina e dell'ospedale di Milazzo”. 

Lo dichiara il deputato regionale del Movimento 5 Stelle, Antonio De Luca, che sottolinea come “seppure i fatti, documentati attraverso un video dai familiari del paziente deceduto, destino scandalo e preoccupazione, prima di parlare di un caso di malasanità è bene approfondire la vicenda in tutti i suoi aspetti, per risalire ad eventuali responsabilità e adottare, qualora occorresse, i dovuti provvedimenti”.

“Do atto - prosegue De Luca - al dottor La Paglia di essersi immediatamente attivato nominando una commissione di indagine per accertare l'accaduto, ma la politica non può rimanere inerte davanti a fatti tanto gravi, per cui ho ritenuto necessario attivarmi con questa richiesta, nell'interesse di tutti i cittadini e pazienti che fruiscono della struttura ospedaliera di Milazzo, nonché a tutela del decoro della stessa”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura a Nizza di Sicilia: tentano di rapire una bimba, messi in fuga dalle urla della nonna

  • La salma di Giuseppe Sorrenti in viaggio, lunedì i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola

  • Autista vince il concorso ma l'Atm gli nega il contratto, il giudice del lavoro: “Subito l'assunzione”

  • Valzer di parroci e nuove nomine nei santuari di Messina e provincia

  • Pari opportunità, completato il comitato dell'Ordine degli avvocati: Cettina Miasi presidente

  • Lo scrittore antimafia Antonio Mazzeo dice sì alla bella Eleonora

Torna su
MessinaToday è in caricamento