Il pilone di Torre Faro in pericolo, Gioveni: "Non si interviene dal 2001"

Ruggine e degrado mettono a rischio la staticità del traliccio alto ben 230 metri. Potrebbe essere un'attrattiva turistica

Da potenziale attrattiva a pericolo per la pubblica sicurezza. Questa la parabole del pilone di Torre Faro sulle cui condizioni ha acceso i riflettori il consigliere comunale Libero Gioveni. L'esponente Pd sottolinea la mancanza di adeguati interventi di manutenzione dal 2001 quando era l'Enel ad avere competenza sulla struttura altra ben 230 metri.

"L'imponente traliccio presenta diverse criticità - denuncia Gioveni - con numerose parti arrugginite e ammalorate che quanto meno richiederebbero preliminarmente delle opportune verifiche strutturali.  Diversi residenti e fruitori della zona esprimono forte preoccupazione e chiedono l'attenzione di Palazzo Zanca che soltanto qualche anno fa sembrò accennare timidamente a un interesse".

Gioveni, intanto, proverà a portare la questione sui tavoli della commissione Opere pubbliche "  con l'obiettivo di capire "come l'amministrazione intenda rilanciare l'imponente struttura in termini di gestione anche sotto il profilo turistico"

Potrebbe interessarti

  • Nuovi parroci e spostamenti, così le nomine dell'arcivescovo

  • Il Sole 24 Ore boccia Messina per qualità della vita: troppo lunghi i tempi dei processi

  • In vena di romanticismo? Cinque luoghi “magici” dove puoi andare in città

  • Milazzo, "Noa discriminata" ma per il Comune è solo un caso di posti a sedere

I più letti della settimana

  • Incidente in via Consolare Pompea, morta la 14enne Aurora De Domenico

  • Omicidio ad Ucria, oggi i funerali ai Contiguglia ma sulla rete esplode #iostoconSalvo

  • "Mafiosi al pistacchio" e "Cosa nostra alle mandorle": pasticceria di Taormina nella bufera

  • "Ciao Aurora", martedì pomeriggio in Cattedrale i funerali

  • Aurora, terza vittima in tre mesi della strada della morte

  • Rifugio del falco dodici anni dopo, Costantino: “Lucia Natoli merita adesso un riconoscimento”

Torna su
MessinaToday è in caricamento