Promozione del Made in Sicily e Family Plus, Amata: “Medaglia al merito a di sostiere le famiglie”

Il deputato di Fratelli d'Italia soddisfatta per il voto in Aula che garantisce fondi alle aziende che si sono distinte per le misure dedicate alla genitorialità

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

“Grazie al voto dell’Assemblea sono passate importanti proposte di Fratelli d’Italia le cui coperture si rivarranno sul Fondo Sicilia. Si tratta di emendamenti al Collegato in discussione oggi, tra cui quello relativo all’accesso al plafond per tutte quelle aziende che si sono distinte per il sostegno alla famiglia attraverso misure dedicate. 

A queste realtà che hanno sostenuto incentivi rivolti alle famiglie (quali titoli di spesa a carico dell’azienda finalizzate ad acquisire servizi educativi di cura o custodia dei minori se disabili, misure che consentano ai genitori la permanenza nell’occupazione dopo il periodo di congedo di maternità o parentale, creato asili nido aziendali o aree per il doposcuola o istituzione di borse di studio destinate ai figli dei propri dipendenti), la Regione Siciliana rilascerà un documento, il Family Plus. 

Una medaglia al merito, con tutte le conseguenze positive del caso, per chi comprende e favorisce il ruolo essenziale della famiglia, valore primario e insostituibile, consentendo ai propri dipendenti di non dover operare una tragica scelta tra la carriera e la genitorialità!”, così l’onorevole Elvira Amata, deputato regionale di Fratelli d’Italia.

“È stato inoltre approvato un articolo al Collegato proposto da Fratelli d’Italia con il quale si prevede che la Regione promuoverà accordi con le attività commerciali del nostro territorio che propongono la vendita di prodotti Made in Sicily al fine di valorizzarne e sostenerne i rapporti con il mercato nazionale ed internazionale, i canali della grande distribuzione e le catene commerciali internazionali!!! W la Sicilia!”, conclude il deputato dell’Ars.

Torna su
MessinaToday è in caricamento