Nasce l'Istituto virtuale nazionale Parkinson, adesione del Centro Neurolesi

Si tratta del  network nato in Italia, all'interno della Rete Irccs delle neuroscienze e della neuroriabilitazione, e dedicato a diagnosi e cura della malattia neurodegenerativa. Cortelli: "Segna l'inizio di una nuova era della ricerca in questa malattia“

Anche il Centro Neurolesi aderisce all’Istituto virtuale nazionale del Parkinson. Si tratta del  network nato in Italia, all'interno della Rete Irccs delle neuroscienze e della neuroriabilitazione, e dedicato a diagnosi e cura della malattia neurodegenerativa, seconda tappa della road map iniziata nel 2019 con la nascita dell'Istituto virtuale nazionale Demenze.

Il nuovo istituto coinvolge 16 Irccs, 336 professionisti per un bacino di riferimento che supera i 10 mila pazienti e circa 2 mila ricoveri ogni anno. Mentre, sul piano finanziario, può contare su 16 milioni di euro derivanti da finanziamenti nazionali e internazionali ottenuti in cinque anni dagli Irccs coinvolti nell'Ivn. Il Consiglio direttivo della Rete ha affidato a Pietro Cortelli, direttore operativo dell'Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna, il ruolo di coordinatore del working group di cui faranno parte neurologi, fisiatri, neurochirurghi, gastroenterologi, neuropsicologi, psichiatri, nutrizionisti, farmacologi, infermieri, tecnici di laboratorio e di neurofisiopatologia. "Siamo particolarmente soddisfatti - ha detto Fabrizio Tagliavini, presidente della Rete - perché saremo finalmente in grado di mettere a fattor comune, secondo una metodologia diagnostico-terapeutica condivisa, eccellenza e avanguardia nello studio e nel trattamento del Parkinson".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Cortelli "la nascita di Istituto virtuale Parkinson segna l'inizio di una nuova era della ricerca in questa malattia perché permetterà di studiarne le caratteristiche cliniche e biomolecolari in coorti numerose, analizzate in modo molto approfondito secondo standard internazionali. Ora - ha spiegato - stiamo costruendo le infrastrutture per collegare i 16 Istituti e condividere dati e risultati; nella seconda metà del 2020 vedremo i primi risultati concreti che contiamo di pubblicare a livello internazionale". Aderiscono all'Istituto virtuale nazionale del Parkinson: Fondazione Istituto Neurologico Carlo Besta (Mi), Fondazione Ca' Granda ospedale Maggiore Policlinico (Mi), ospedale San Raffaele (Mi), Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus (Mi-Fi), Istituto Auxologico Italiano (Mi), Istituto Clinico Humanitas - Rozzano (Mi), Istituti Clinici Scientifici Maugeri (Pv), Istituto Neurologico Casimiro Mondino (Pv), Istituto delle Scienze Neurologiche di Bologna (Bo), Fondazione Ospedale San Camillo (Ve), Ospedale Policlinico San Martino (Ge), Fondazione Santa Lucia (Roma), Neuromed Istituto Neurologico Mediterraneo (Roma), Centro Neurolesi Bonino Pulejo (Messina), Irccs San Raffaele Pisana (Roma), Policlinico Gemelli (Roma).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falcone a lutto, non ce l'ha fatta Luca Minato ferito dall'esplosione della bombola di gas

  • Dormiva in auto per non perdere il lavoro, Liberty Lines: potrà pernottare negli alloggi aziendali

  • Il lieto fine di Alessandro dopo l'incidente: "Pensavo di non poter più correre, ma ce l'ho fatta"

  • Patti, bimba di nove anni cade dalla bicicletta e batte la testa: in elisoccorso al Policlinico

  • Papardo, visite gratuite durante la settimana della prevenzione dedicata alla donna

  • Locale aperto oltre l'orario e senza le dovute autorizzazioni, multe nella riviera Nord

Torna su
MessinaToday è in caricamento