Sospese le nascite a Sant'Agata militello, La Paglia: "Verrò per un confronto"

Il direttore generale dell'Asp spiega come si è arrivati a interrompere il servizio in attesa del piano di ristrutturazione dei locali, le partorienti dovranno andare altrove nelle prossime settimane

L'ospedale di Sant'Agata militello

Sospese le nascite al presidio sanitario di Sant'Agata militello. E' la decisione della direzione medica guidata da Paolina Reitano e che nelle ultime ore ha scatenato polemiche.

Il direttore generale dell'Asp Paolo La Paglia ha spiegato cosa sta succedendo all'ospedale tirrenico, il sindaco Bruno Mancuso ha chiesto chiarezza. "In attesa del piano di ristrutturazione, per il quale sono stati stanziati più di un milione di euro, alcuni giorni fa la direzione di presidio ha posto in essere un grande sforzo di riorganizzazione tecnica e logistica, promosso da un gruppo di qualificati professionisti quali il Direttore Sanitario Aziendale Mimmo Sindoni, il Risk manager Nino Giallanza, il Direttore medico di Presidio Paolina Reitano, il Primario Umberto Musarra, coinvolgendo anche il personale di altre divisioni ospedaliere cui sono stati chiesti sacrifici logistici; il percorso era teso a migliorare le condizioni assistenziali dell'ostetricia, per offrire alle donne che si affidano all'Ospedale di Sant'Agata militello tutta l'assistenza sanitaria in sicurezza.

La Uil Flp: “Inusuale nota? Lui da sindacalista forse faceva altro”

Vengo a conoscenza di una "inusuale nota" di un Sindacato, la Uil Fpl, a firma dott. Giuseppe Calapai, nella quale si mettono in discussione le soluzioni tecniche approntate dalla Direzione Medica di Presidio, per consentire l'attività sanitaria in attesa della ristrutturazione; inevitabile a questo punto la temporanea sospensione dell'evento nascita disposta dalla Dott.ssa Paolina Reitano - continua La Paglia - ho una grande stima personale del sindaco Bruno Mancuso e degli amministratori dei Paesi Nebroidei abitati da popolazione fattiva e concreta, di cui apprezzo la grande dignità anche nel sopportare i possibili disagi, senza mai utilizzare l'argomento "Sanità" a fini politici; mi impegno a venire a Sant'Agata per il necessario costruttivo confronto con gli amministratori e comunico che l'Asp di Messina porrà in essere tutte le possibili soluzioni tecniche ed organizzative per superare la criticità e consentire che anche a S.Agata M.llo l'evento nascita avvenga nel pieno rispetto delle disposizioni di legge tese a garantire la sicurezza delle donne e dei nascituri."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scompare all'uscita di scuola, ore di ansia per un 13enne

  • Ritrovato dopo sei ore il 13enne scomparso

  • Arsenale della 'ndrangheta nei fondali, maxi ritrovamento dei carabinieri subacquei di Messina

  • Operazione Nebrodi, così l'elenco di tutti gli arrestati e delle ditte sequestrate

  • L'ospedale Papardo assume medici, ecco le figure ricercate

  • La moglie litiga per un parcheggio sotto casa e lui la difende accoltellando l'uomo, ai domiciliari un 81enne

Torna su
MessinaToday è in caricamento