Strage di Barcellona, Barone: “Non servono nuove norme, basta applicare quelle che già esistono".

Il segretario generale della Uil Sicilia: "La Regione non pensi solo ai giochi di poltrone ma adesso assuma nuovi ispettori del lavoro”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

“Anche la migliore normativa del mondo se non applicata è perfettamente inutile. Non serve inventare nuove leggi, bisogna solo vigilare affinché vengano applicate quelle che già esistono. Per tutelare i lavoratori e attrezzare le imprese per evitare incidenti occorre prima di tutto aumentare il numero degli ispettori del lavoro, meno di un terzo rispetto a quelli previsti nella nostra isola”.

Così Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, che esprimendo il massimo cordoglio alle famiglie delle vittime della strage di Barcellona, lancia un attacco al governo Musumeci: “Basta perdere tempo, vogliamo sapere subito quando si farà il concorso per rinforzare gli organici degli ispettorati del lavoro e verificare tutto il fabbisogno per evitare nuovi morti e incidenti, aumentati in maniera vertiginosa. La Regione deve ascoltare i rappresenti dei lavoratori e non pensare soltanto ai giochi di poltrone”.

Torna su
MessinaToday è in caricamento