Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Festa sobria della Finanza per il 246esimo anniversario | VIDEO

Alla Caserma "Cotugno" le celebrazioni per la Fondazione del Corpo militare, presente il prefetto Librizzi. Il messaggio del generale Zafarana

 

Festeggiato il 246esimo anniversario della fondazione della Guardia di Finanza. Questa mattina, alla presenza del prefetto Maria Carmela Librizzi e con una sobria cerimonia interna nella caserma “Cotugno” di via Tommaso Cannizzaro è stato ricordato l'anno di nascita del Corpo militare. Davanti a una rappresentanza delle Fiamme Gialle messinesi del contingente ordinario e aeronavale, dei componenti dell’associazione nazionale dei Finanzieri d’Italia, il Comandante Provinciale Gerardo Mastrodomenico, ha evidenziato l’importanza del messaggio del Capo dello Stato, inviato a tutti i finanzieri in occasione della ricorrenza, nel quale si esprime la riconoscenza per il prezioso contributo a difesa della sicurezza economico-finanziaria del Paese e all’osservanza delle misure di contenimento della diffusione dell’epidemia.

Cariche di significato anche le espressioni utilizzate dal Comandante Generale del Corpo – Generale di Corpo d'Armata Giuseppe Zafarana - nel suo Ordine del Giorno Speciale, in cui ha ricordato alle Fiamme Gialle che “L'avvenire delle nuove generazioni, la prosperità del Paese, il benessere dei nostri concittadini dipenderanno anche dalla capacità del Corpo di contribuire, con la consueta tenacia, generosità e professionalità, alla tutela delle libertà economico finanziarie, realizzando le condizioni affinché la ripresa si sviluppi in una cornice di giustizia, equità e legalità”. Il Comandante Provinciale ha ringraziato per l’attività svolta tutto il personale che ha operato nel vasto territorio provinciale, nella consapevolezza che la valorizzazione del patrimonio identitario del Corpo sosterrà il processo di rilancio del sistema produttivo, contrastando tentativi di ingerenze criminali nel circuito dell’economia legale. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento