Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il video della cattura di Riitano, indagini in corso su possibili fiancheggiatori

Le immagini dell'arresto del boss della n'drangheta che si nascondeva a Giardini Naxos con documenti d'identità fasulli. L'inchiesta si sposta sulla rete di aiuti per poter vivere nella cittadina ionica

 

Le immagini dell'arresto di Francesco Riitano, il boss della 'ndrangheta, 39 anni, catturato a Giardini Naxos dopo due anni di latitanza. L'uomo, sentendosi braccato, ha tentato un'improbabile fuga saltando dal balcone e correndo in strada seminudo. I carabinieri del Ros coadiuvati dai colleghi di Messina e Catanzaro sono però riusciti a bloccarlo e ammanettarlo.

Riitano è considerato uno dei più importanti esponenti del clan Gallace di Guardavalle, in provincia di Catanzaro. Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro, destinatario di un provvedimento cautelare emesso su richiesta della procura distrettuale antimafia di Milano per avere promosso, organizzato, costituito, finanziato, diretto e partecipato ad associazione con base logistica ad Arluno, finalizzata all’importazione sul territorio nazionale e al traffico di ingenti quantitativi di cocaina approvvigionata dal Sud-America. Le operazioni di esatta localizzazione del latitante si sono protratte per giorni ad opera di un ingente dispositivo di militari e con l’impiego di sofisticate apparecchiature tecnologiche.

Il boss viveva a Giardini Naxos con carta di identità, patente e passaporto italiani falsificati, denaro contante e alcuni telefoni cellulari. I carabinieri stanno adesso indagando su di una possibile rete di fiancheggiatori.  


 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento