menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Archeologia a Tusa, si scava fino alla fine di luglio per “allargare” l'antica Halaesa

La missione italo-inglese nell’area del Santuario di Apollo e quella francese nelle tre aree dell’abitato. Le indagini che hanno consentito anche di individuare la grande rampa di accesso che dalla “Via Sacra”

Si protrarranno fino alla fine di luglio i lavori delle campagne di scavi della missione italo-inglese nell’area del Santuario di Apollo e della missione francese nelle tre aree dell’abitato dell’antica città di Halaesa, nel territorio di Tusa.

Gli scavi si svolgono grazie ad una concessione rilasciata dall’assessorato regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana e sulla base di accordi con il Parco Archeologico di Tindari, con la Soprintendenza dei Beni Culturali di Messina ed il Comune di Tusa, guidato dal sindaco Luigi Miceli.  Ai lavori ha preso parte un considerevole numero di dottorandi, archeologi specializzati e studenti degli atenei di Messina, di Oxford, di Amiens, di Poitiers, oltre che studenti di diverse università italiane e straniere.

Angelo Tudisca-2Le attività di pulizia delle strutture già note, associate all’apertura di scavi archeologici in estensione e di saggi stratigrafici di verifica hanno consentito, a distanza di tre anni, di ricostruire la configurazione plano-volumetrica del complesso religioso: un’elaborata architettura costituita da più edifici che ne fanno uno dei più importanti e monumentali siti cultuali, tra quelli noti, della Sicilia ellenistico-romana. In particolare, in questa terza campagna di scavi è stato integralmente messo in luce un grande podio rettangolare di m 46 x 18 e alto circa 4 metri, in parte gradonato e realizzato con blocchi squadrati e blocchetti di pietra locale. 

Le indagini hanno consentito anche di individuare la grande rampa di accesso che dalla “Via Sacra” della città conduceva direttamente alla sommità del podio dove insistevano i principali edifici di culto del santuario. “Quest’anno - afferma il vicesindaco Angelo Tudisca - il Comune oltre a garantire l’alloggio a 80 persone, tra professori e studenti, ha iniziato il progetto di realizzazione di un ostello che serva ad ospitare un numero sempre maggiore degli studenti”.

“Oggi - conclude Tudisca - si svolgerà la terza edizione della “summer school archeologica” che vedrà impegnati i ragazzi dai 10 a 14 anni, che seguiranno le lezioni degli illustri professori impegnati ad Halaesa”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MessinaToday è in caricamento