Roccafiorita, il comune messinese più piccolo della Sicilia come non lo avete mai visto su Bella Sicilia

La troupe immortalerà le bellezze del paese che conta appena 186 abitanti. Il sindaco Orlando: "Qui si viene per godere la quiete"

Continua il dialogo di bellezza, natura e storia tra i comuni siciliani appartenenti al Circuito Turistico Regionale Bella Sicilia.  A fare parte della piattaforma che sforna documentari televisivi due nuove realtà tra cui il comune messinese  Roccafiorita  che anche il più piccolo della Sicilia e Cefalù.

Nonostante il lockdown  la pagina ha continuato a puntare sull’unicità dei nostri territori  contrapponendosi ad un clima di depressione con interazioni provenienti  da tutto il mondo.   Si contano da quattro a cinque milioni utenti per settimana con una media di quindici milioni al mese e almeno quattro mila follwers che ogni settimana si aggiungono nei variegati gruppi e pagine collegate a Bella Sicilia la cui somma è orientata ormai verso il milione di follwers. La troupe di Bella Sicilia  incontrerà il sindaco di Roccafiorita, Carmelo Concetto Orlando che presenterà il suo paese, dalla forta carica identitaria. Il  Comune più piccolo della Sicilia ospita solo  186 abitanti ed è il più piccolo del meridione per un'estensione teritoriale di 1,14 kmq.

“Qui si viene per godere la quiete che non t’immagini- racconta Orlando- siamo a una ventina di chilometri dalla costa salendo verso i monti alle spalle di Taormina, a 750 circa sul livello del mare.  Dal punto più alto, il Monte Kalfa, ruotando lo sguardo a 360 grandi è possibile ammirare mezza Sicilia, a Sud riusciamo a vedere fino a Riposto di Catania, poi l’Etna, la Rocca grande di Novara di Sicilia, Le Isole Eolie, lo Stretto di Messina e la costa  della Calabria. Qui è stato edificato il Santuario della Madonna dell’Aiuto, meta di numerosi pellegrinaggi. Il paese è un gioiellino in ogni senso, il rumore non esiste come neanche la frenesia. Per le strade, tra i loro fiori, si trovano ancora le vecchiette sedute sulla porta ed anche i gatti sornioni sui muretti e sulla strada,  non li disturba proprio nessuno. Certo è una dimensione diversa dallo sfavillante luccichio delle grandi metropoli,  ma qui si vive bene e soprattutto si soggiorna bene. I Ciuritani, così si chiamano i cittadini, non lascerebbero per alcuna ragione Roccafiorita. La vera sfida è mantenere in piedi la comunità che proprio perché piccola risente dei problemi intrinseci ai piccoli centri ma resilienza e determinazione rappresentano ancora l’arma vincente. E’ il luogo ideale per una gita fuori porta e gustare i genuini cibi locali, per un’immersione nella pace e nella natura. In media nasce un bambino l’anno, l’unica bambina del 2020 si chiama Ginevra ed è nata meno di un mese fa. Tre nascite nel 2019 e altre tre nel 2018. Complessivamente siamo 186 abitanti ma siamo felici e altrettanto felici di condividere la nostra gioiosa spontaneità con chi ci viene a trovare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento