rotate-mobile
Attualità

Democrazia partecipata dalla parte dei giovani: minorenni al voto in 170 comuni, 27 nel messinese

Limina ultimo comune ad aver approvato il regolamento che ammette i cittadini dai 16 anni. Le contraddizioni in alcuni enti che prevedono la partecipazione dei ragazzi nel regolamento e la negano negli avvisi. E viceversa

Sono 170 i Comuni siciliani che leggendo il principio di partecipazione come elemento di innovazione sociale e culturale hanno scelto di aprire anche ai minorenni i processi di democrazia partecipata, quel meccanismo secondo il quale deve essere speso con il coinvolgimento della cittadinanza il 2% dei fondi ricevuti dalla Regione. Lo racconta Spendiamolinsieme.it, il progetto della no profit Parliament Watch Italia. In queste 170 città – che sono il 47% del totale - per i sedicenni, i diciassettenni e – talvolta – perfino i quindicenni l’esperienza più unica che rara è quella di poter votare per una volta a pari merito con gli adulti e in grande anticipo rispetto alle elezioni “normali”. Una vera e propria lezione di civismo. Nella Sicilia orientale si tratta di 17 Comuni del Nisseno, 26 dell’area etnea, 8 dell’Ennese, 27 dell’area di Messina, 6 del Ragusano, 16 del Siracusano (gli altri Comuni “dalla parte dei giovani” sono 23 Comuni dell’Agrigentino, 35 del Palermitano, 12 del Trapanese).

La questione minori, peraltro, qui e là suscita dibattito e interesse. Per esempio, a Capizzi (Area Metropolitana di Messina) le cose vanno avanti tra alti e bassi ma nel 2017 viene fatta una sperimentazione particolare, a riprova che operare nel solco della democrazia partecipata suggerisce innovazioni e idee. Quell’anno il Comune insediò il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze e scelse di riservare a questa “mini aula” una cura speciale. I Ragazzi e le Ragazze ebbero modo infatti di presentare una propria proposta cui il Comune destinò il 20% dei fondi della democrazia partecipata. E mentre gli adulti propendevano per interventi sulle strade, i più giovani vollero la realizzazione di una targa commemorativa in onore di tutti i caduti per mano della mafia e interventi di manutenzione dell'arredo del Parco Robinson adiacente alla Scuola Primaria.

E se a Limina (Area Metropolitana di Messina) i cittadini dai 16 anni in su sono ammessi alla partecipazione grazie al regolamento sulla democrazia partecipata appena approvato (il 21 luglio), a Montallegro (Libero Consorzio di Caltanissetta) dopo anni senza notizie, quest’anno si avvia e completa il processo (esito del 3 giugno) e – come previsto nel regolamento – partecipano «tutte le persone fisiche residenti nel territorio comunale e che abbiano compiuto il quindicesimo anno di età».

Ma non è tutto. Ci sono infatti anche i Comuni che contraddicono sé stessi. A Gela (Libero Consorzio di Caltanissetta), Giardini Naxos, Brolo, Malfa e Santa Teresa di Riva (nel Messinese) e Aci Bonaccorsi (Area metropolitana di Catania) il regolamento per la democrazia partecipata prevede che ad essere coinvolti nel processo siano i cittadini dai 16 anni in su ma negli avvisi la partecipazione è riservata ai maggiorenni. E sempre di contraddizioni si tratta, ma esattamente al contrario, a Militello Rosmarino (Area metropolitana di Messina) e Sutera (nel Nisseno). In questi casi i regolamenti (datati entrambi 2019) consentono la partecipazione dei soli maggiorenni e gli avvisi, invece, la consentono anche ai sedicenni e diciassettenni.

«Nulla quaestio, è una scelta – sostiene il gruppo di lavoro di “Spendiamoli Insieme” - ma la scelta dovrebbe essere presa con coerenza. Regolamento e avviso non dovrebbero essere in contraddizione. Anche perché, se venisse in mente a qualcuno di contestare la procedura, come ci si potrebbe regolare?».

Una scelta, tra l’altro, che ha un senso preciso. Lo spiega il sindaco di Misterbianco, Marco Corsaro, giovane anche lui – ha 37 anni – e abituato ad aver a che fare con i giovani, essendo educatore sportivo per ragazzi. «È un modo per responsabilizzare i giovani rispetto alla cosa pubblica, ma è anche – anzi, è soprattutto – un modo per consentire alla loro sensibilità e alla loro visione del futuro di entrare in gioco da protagonisti, perché questa sensibilità e questa visione sono utili, necessarie, alla crescita dell’intera comunità». E il prossimo anno – anticipa il primo cittadino – la pubblicazione dell’avviso sarà accompagnata da assemblee pubbliche in tutti i quartieri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Democrazia partecipata dalla parte dei giovani: minorenni al voto in 170 comuni, 27 nel messinese

MessinaToday è in caricamento