Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Nel laboratorio di Felice Currò, mago di friscaletti e tamburi: “Li costruisco eterni con l'ingrediente della passione”

Il maestro e artigiano messinese, che ha insegnato anche al sindaco De Luca a suonare la zampogna, realizza nella sua officina fai da te strumenti della tradizione popolare belli e indistruttibili. Il suo segreto? Nella concia

 

Zampogne, tamburi, flauti di canna pastorali ben noti come “friscaletti”  e idiofoni popolari di ogni tipo, tra cui troccole, raganelle, tirititì, marranzani e tutto quello che gira intorno alla tradizione popolare musicale  siciliana. Rigorosamente creati  con materiali naturali come noci, pezzi di canna, pelle di capretto e tanto altro. A costruirli  con  dedizione e meticolosa passione è Felice Currò,  il 62enne messinese che nella vita  lavora all’Università ma quando torna a casa nel suo laboratorio fai da te si trasforma in un artigiano del suono.

Figlio d’arte, il  nonno  era don Felice e lo zio Ciccio Currò ,  lui è cresciuto in una famiglia in cui da generazioni si respira musica popolare: “Vengo da una famiglia di zampognari e friscalettari- racconta-da generazioni costruiamo strumenti musicali. Accordo anche  i marranzani e sono uno dei pochi rimasti a farlo”.

A rende unici i suoi strumenti è la manualità artigiana. Nel video costruisce in diretta un “friscaltetto” armato solo di un coltello e di  una sessione di canna: “Ho realizzato il flauto di canna a bocca zeppata - precisa Felice- si crea un canale di insufflazione dove l’aria comprimendo il canale si infrange nel taglio della finestra creando un suono”.

Lui è un artista d’altri tempi che mantiene viva una tradizione altrimenti destinata ad essere dimenticata : “Costruisco i tamburi alla vecchia maniera con una fetta di faggio lunga, la piego con l’acqua e li creo”. Il segreto sta nella concia della pelle:  “Per ottenere un ottimo tamburo - continua Felice - è necessario seguire una procedura ben precisa. Dopo aver tirato le pelli di capra o capretto  e raschiato il pelo  si mettono a mollo per 48 ore con acqua, sapone da bucato e limone. Questo composto depura la pelle dalla calce che si trova nei pori rendendola giallina ma soprattutto resistente nel tempo.   Questi tamburi sono indistruttibili rispetto a quelli usciti dalla fabbrica perché il telaio non viene incollato ma viene piantato con i chiodini,  incollandolo si riduce la vibrazione del telaio”.

Felice oltre ad essere  responsabile del  laboratorio etnorganologico del museo di Gesso, di cui è il  costruttore ufficiale degli strumenti, è anche un musicista molto conosciuto e apprezzato in città. Ha fatto  parte di numerose formazioni folk è stato il cantante di Musici e Cantori e tra le tante formazioni all’attivo è membro  del gruppo Colapesce. “Sono autodidatta,  suono la zampogna, il friscaletto, il marranzano, la quartara  – prosegue Felice  -non sono percussionista ma ho dei tocchi arcaici della tradizione peloritana”. Il suo amore per la musica popolare inoltre  ha contagiato anche il sindaco Cateno De Luca: “Da me ha imparato a suonare la zampogna e il tamburo - conclude- ho anche alcune sue zampogne a casa che accordo. Lo conosco da 20 anni quando non era stato ancora eletto il sindaco di Fiumedinisi, devo dire che è sempre stato un  ottimo allievo”.
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MessinaToday è in caricamento