Federfarma Sicilia, Giovanni Crimi vicepresidente

Affiancherà Gioacchino Nicolosi per il triennio 2020-2022 l'unione che rappresenta i titolari di farmacia della regione

Giovanni Crimi

Giovanni Crimi, presidente di Federfarma Messina, eletto alla vicepresidenza di Federfarma Sicilia che riconferma alla presidenza per il triennio 2020-2022 Gioacchino Nicolosi.

Una riconferma data l'unanimità dal Consiglio Regionale di Federfarma Sicilia, l'unione che rappresenta i titolari di farmacia della regione. Nicolosi, 60 anni, sposato, padre di due ragazze, ricopre anche la carica di presidente di Federfarma Catania, di Promofarma Sviluppo, Farmacia Servizi, Farmamentis e PharmEvolution, la convention-evento della farmaceutica.

Oltre alla presidenza, è stato riconfermato, sempre con voto unanime, anche il Consiglio direttivo di Federfarma Sicilia. Oltre la vicepresidenza al messinese Crimi, riconfermato segretario Luigi Bianculli, presidente di Federfarma Ragusa. Mentre l'incarico di tesoriere va a Salvatore Caruso, presidente di Federfarma Siracusa. Gli altri componenti del Consiglio regionale sono: Claudio Miceli (Federfarma Agrigento), Maria Ippolito (Federfarma Caltanissetta), Giorgio Scollo (Federfarma Enna), Roberto Tobia (Federfarma Palermo) e Leonardo Galatioto (Federfarma Trapani). Il nuovo mandato inizierà l'1 gennaio 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: tutta la Sicilia sarà "zona rossa", 380 casi a Messina e 3 decessi

  • Messina zona rossa, dietrofront del sindaco: “Revoco l'ordinanza, nessuna collaborazione sui rifiuti speciali”

  • Zona rossa alla De Luca dal 18 al 28 gennaio, la nuova ordinanza: sospeso l'asporto e chiuse le scuole

  • Messina zona rossa, da venerdì ulteriori restrizioni per negozi e servizi

  • "L'ordinanza non sarà modificata", la Musolino risponde anche su barbieri e mercati che rischiano sanzioni

  • Insulti su fb per il cacciatore morto, Rizzo: "Troppa cattiveria, siamo vicini alla famiglia"

Torna su
MessinaToday è in caricamento