rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

"Il mare chiama", nasce Presidio Slow Food della Pesca Tradizionale nello Stretto

L'obiettivo è sostenere il lavoro della comunità di pescatori locali e costruire un ponte di biodiversità per salvaguardare il patrimonio naturale e culturale della costa tra Sicilia e Calabria. Dal 17 al 19 maggio si festeggia al Monte di Pietà con tavole rotonde, incontri, forum e laboratori

La Pesca Tradizionale nello Stretto di Messina è stata inserita tra i Presìdì Slow Food, con l'obiettivo di sostenere e valorizzare il lavoro dei pescatori locali, salvaguardare il patrimonio culturale materiale e immateriale della costa tra Sicilia e Calabria e contribuire a creare valore sociale ed economico per i prodotti ittici tipici del territorio. 

La nascita del Presidio Slow Food della Pesca Tradizionale nello Stretto di Messina, consentirà di promuovere la pesca selettiva e stagionale che, variando tecniche e strumenti a seconda delle specie da pescare, si svolge nel corso dell’intero anno. Un primo passo concreto che Messina Food Policy, sulla spinta di Slow Food Messina, compie nella direzione della sostenibilità, della consapevolezza e del riconoscimento reale per i custodi del nostro mare.

Messina Food Policy è il tavolo per le politiche agroalimentari nato a settembre 2022 grazie all’impegno della Comunità Slow Food per la Salvaguardia della Biodiversità dello Stretto di Messina, Slow Food Sicilia, il Comune di Messina e la sua Città Metropolitana, la Camera di Commercio di Messina e la Fondazione Me.S.S.In.A. volto a sviluppare politiche a sostegno della transizione ecologica, riconoscendo nel cibo un elemento trasversale per il cambiamento, oltre che fondamentale, per promuovere un turismo sostenibile che guarda ai produttori come custodi dei territori.

Il riconoscimento del Presidio Slow Food, ha anche l'obiettivo di favorire l’apertura di nuove opportunità commerciali, come la promozione dell’attività di pesca turismo, che può rappresentare un importante elemento di diversificazione a sostegno dell’attività dei pescatori.

Proprio per il notevole  impatto che questo riconoscimento può generare sulla comunità, anche sul fronte turistico, la presentazione e l’inaugurazione del Presidio sarà l'occasione per trasformare la città di Messina in luogo di incontro e di confronto. La festa del presidio, l'evento "Il Mare chiama" si terrà in uno dei luoghi più affascinante della città, l'edificio storico del Monte di Pietà, dal 17 al 19 Maggio, dove sarà allestita una mostra tematica e saranno proiettati documentari d’epoca e contemporanei dedicati ai riti della pesca tradizionale sullo Stretto di Messina.

L'iniziativa sarà presentata lunedì 13 maggio, alle ore 11 al Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca, alla presenza del sindaco Federico Basile, dell’assessore alle Attività produttive e ai Grandi eventi cittadini Massimo Finocchiaro, e del direttore generale Salvo Puccio. All’incontro interverranno inoltre: il presidente di Slow Food Messina Nino Mostaccio; Antonella Donato, Presidente Associazione Pescatori Feluca dello Stretto; Ivo Blandina Presidente della Camera di Commercio Messina; Gaetano Giunta, fondazione MeSSInA.

Una festa, quella de "Il mare chiama", per costruire legami e connessioni per proteggere, tutelare e valorizzare l’intera area dello Stretto di Messina, un tratto di mare che unisce Sicilia e Calabria, due terre che hanno tanti elementi di contatto, non solo tra di loro, ma con l’intero Mediterraneo. Lì dove Ionio e Tirreno si fondono e si contaminano, esiste già un ponte, fatto però di biodiversità “condivisa”, di culture intrecciate e sovrapposte, di scambi e dialoghi, un ponte immateriale che va tutelato e salvato insieme alla peculiarità di questo splendido tratto di costa.

Tre giorni di appuntamenti enogastronomici, tavole rotonde, forum e laboratori del gusto sulla pesca tradizionale nello Stretto di Messina, per promuovere un nuovo modello di politiche alimentari in grado di avviare percorsi di sviluppo per un intero territorio. Un palinsesto di eventi rivolto non solo agli operatori del settore ma che si apre ad ogni cittadino interessato al vivere sostenibile. 

Durante i tre giorni dell’evento saranno accolti numerosi ospiti, provenienti da diverse città italiane e da alcuni paesi dell’area del Mediterraneo, che animeranno i forum tematici e gli stand degustativi in cui il pescato locale verrà cucinato e declinato secondo le diverse culture mediterranee.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il mare chiama", nasce Presidio Slow Food della Pesca Tradizionale nello Stretto

MessinaToday è in caricamento