Tre rintocchi di campana della nave Cariddi, il nautico Caio Duilio inaugura il nuovo anno scolastico

Atmosfera emozionante e momento di preghiera alla presenza di numerose autorità civili e militari. La dirigente Schirò: “La nostra bandiera accanto a quella tricolore per a testimonianza del nostro attaccamento ai valori della patria”

Tre rintocchi di campana della nave Cariddi (altri tre a giugno sanciranno la fine dell'anno scolastico), l'alza bandiera, con il tricolore a sventolare sulla sommità del maestoso e imponente albero maestro, studenti in rigorosa divisa schierati e allineati e le note dell'inno di Mameli suonato dalla Banda musicale della Brigata Aosta.

Comincia così, con la cerimonia di inaugurazione nel cortile interno dell'istituto Nautico Caio Duilio il nuovo anno scolastico 2019-2020.

Alla presenza di numerose autorità civili e militari, di docenti e alunni, la dirigente scolastica, professoressa Maria Schirò ha dato il via all'inaugurazione dell'anno scolastico 2019/2020. Atmosfera particolarmente emozionante, con il consueto momento di preghiera affidato a Padre Giovanni Pelleriti, cui è seguita la lettura della "Preghiera degli alunni del Nautico".

Al termine della cerimonia, si è tenuta, sempre nei locali dell'ITTL Caio Duilio una conferenza che ha avuto per temi la sicurezza stradale e la Donazione degli organi. Hanno partecipato al simposio  Francesco Puliatti, responsabile del Centro Trapianti del Policlinico universitario "G. Martino", il personale del XXIV Reggimento Artiglieria che ha fornito agli studenti informazioni utili ai fini dei concorsi pubblici nell'Esercito Italiano, Gaetano Alessandro, presidente dell'associazione Donare è Vita, il vicequestore della Polizia, Nicolò D'Angelo, dirigente della Polizia Stradale di Messina.

“Accanto alla nostra bandiera c'è anche il tricolore a testimonianza del forte attaccamento ai valori della patria - ha detto la dirigente Maria Schirò - che tendiamo a trasmettere a tutti i nostri allievi”

Una eccellenza il nautico di Messina dove tutti gli insegnamenti sono rivolti al mondo marittimo e al suo indotto. Ma non solo. La scuola è la prima tappa per l'avvio alla carriera di Ufficiale di coperta della Marina mercantile grazie anche ai tirocini per fini pratici a bordo con stage anche fuori dall'Italia come Malta e Civitavecchia-Barcellona e la tratta Palermo-Livorno.

“Un indirizzo quello Nautico incoraggiato dalle cifre in crescita del turismo da diporto e dal turismo nautico velico in forte espansione che non è più solo una prerogativa maschile. Infatti su oltre mille iscritti ormai il dieci per cento è rappresentato da una crescente popolazione scolastica femminile - spiega il professore Massimo Ipsale - Abbiamo quattro indirizzi di studio: Coperta (capitani), Macchinisti (per eventuali e furturi direttori di Macchina), e poi abbiamo Logistica che è un settore che sta crescendo molto e infine Costruttori navali, in questo momento forse un poco sottovalutato ma che ha rapresentato la storia di Messina e può continuare a rappresentarla in futuro grazie alle nuove leve”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura a Nizza di Sicilia: tentano di rapire una bimba, messi in fuga dalle urla della nonna

  • Panico e dolore al Verona-Trento, malore fatale per un assistente tecnico

  • La salma di Giuseppe Sorrenti in viaggio, lunedì i funerali alla Chiesa San Francesco di Paola

  • Da Patti al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'aeronautica, neonato prematuro verso la salvezza

  • Incidente nella notte in via Catania, muore nell'impatto con un mezzo della Messina Servizi

  • Capo d'Orlando, droga nascosta nei bagni della scuola scoperta dai cani poliziotto

Torna su
MessinaToday è in caricamento