Venerdì, 18 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Piano Tsunami, sindaci a rischio se non aggiorneranno i programmi di allerta

Il prefetto Maria Carmela Librizzi ha convocato quarantotto amministrazioni della fascia costiera, fornite le indicazioni contro il maremoto

Contro il rischio maremoto serve la prevenzione. Non siamo più nel 1908 e la prefettura ha convocato sindaci e amministratori di quarantotto comuni della fascia costiera. Maria Carmela Librizzi e i funzionari di Protezione civile e Città Metropolitana, Bruno Manfrè e Biagio Privitera, hanno fornito le indicazioni per i programmi di allerta da attuare in caso di tsunami provocato da terremoto.

La provincia di Messina è una delle prime che si dota di questo programma. Massiccia la partecipazione delle amministrazioni a Palazzo del Governo, presenti anche gli enti che gestiscono servizi come Enel, Rfi, Anas, Terna e Consorzio autostrade e le industrie del milazzese. Tutto nasce dal decreto del Capo del dipartimento di Protezione civile, il 2 ottobre 2018, con le indicazioni per l'aggiornamento delle pianificazioni di protezione civile per il rischio maremoto. Gli amministratori che non si doteranno e aggiorneranno il piano rischiano responsabilità anche penali. L'aggiornamento del piano tsunami anticiperà l'aggiornamento del programma provinciale di Protezione civile che sarà redatto insieme alla Città Metropolitana. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Piano Tsunami, sindaci a rischio se non aggiorneranno i programmi di allerta

MessinaToday è in caricamento