rotate-mobile
Attualità

Il 21 ottobre è la dodicesima giornata nazionale della mediazione familiare

Di cosa si tratta e quando rivolgersi agli esperti

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

L’Associazione Italiana Mediatori Familiari (A.I.Me.F.) promuove, anche in Sicilia, una corretta informazione sulla Mediazione Familiare. In caso di conflitto tra genitori, la Mediazione Familiare è un percorso nel quale i genitori possono comunicare e raggiungere accordi condivisi relativi alla cura, educazione ed istruzione dei figli.

La Mediazione Familiare è strumento di prevenzione per evitare che i conflitti familiari, gestiti non tempestivamente o da professionisti non adeguatamente formati, diventino l’ennesimo caso di cronaca nera. Un conflitto familiare necessita della concreta collaborazione tra Assistenti Sociali, Avvocati, Mediatori Familiari profes- sionisti, Ministri di culto, Pedagogisti e Psicologi.

Il Mediatore Familiare A.I.Me.F. qualificato per legge, promuove la collaborazione tra tutte le figure professionale che, a vario titolo, si occupano di Famiglia e Minori. Solo un lavoro di rete potrà consentire di raggiungere la miglior soluzione ad ogni conflitto familiare.

Con il Mediatore Familiare, i genitori in fase conflittuale, possono affrontare questioni relazionali e/o organizzative concrete, relative a: dissoluzione del rapporto coniugale o di coppia, divisione delle proprietà comuni, assegno di mantenimento al coniuge, alimenti, responsabilità genitoriale esclusiva o condivisa, residenza dei figli, visite ai minori da parte del genitore non domiciliatario.

La Mediazione Familiare non è Mediazione Civile e Commerciale: i due istituti differiscono per regolamentazione, formazione e competenze dei rispettivi professionisti. Il Mediatore Familiare A.I.Me.F. non offre consulenza legale: gli aspetti giuridico-processuali del per-corso separativo sono di esclusiva competenza dell’avvocato.

La Mediazione Familiare non è Spazio Neutro: interventi che differiscono per utenza ed obiettivi. Tutto ciò che avviene nella stanza di Mediazione Familiare è assolutamente riservato e non può essere riferito, senza il consenso di tutti i presenti. Scegliere la Mediazione Familiare per non disperdere risorse preziose in guerre infinite che lasceranno un segno indele- bile, in genitori e figli: tutti in attesa dei tempi della giustizia.

Separati ma pur sempre genitori. Rivolgersi al Mediatore Familiare per salvaguardare il diritto dei figli a mantenere rapporti equilibrati con entrambi i genitori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 21 ottobre è la dodicesima giornata nazionale della mediazione familiare

MessinaToday è in caricamento