rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità Patti

Il ricordo del Pio Transito di Monsignor Sgalambro, pergamena al vescovo di Patti

Ad animare l'incontro il movimento Nuova Presenza Giorgio La Pira, l'avvocato Paratore ha moderato l'iniziativa

In occasione dell'anniversario del Pio Transito di Mons. Francesco Sgalambro  già cappellano per più di 42 anni del monastero di Montevergine , docente di Filosofia nel seminario arcivescovile di Messina e vescovo ausiliare della stessa arcidiocesi, il Movimento Nuova Presenza Giorgio La Pira animato dal prof. Calogero Centofanti d' intesa con l' Associazione i Devoti di Mons. Sgalambro ha incontrato presso la Diocesi di Patti il Vescovo Mons. Guglielmo Giombanco. A quest'ultimo è stata conferita una pergamena di benemerenza quale Testimonianza per l' impegno profuso nel suo ministero episcopale nella diocesi di Patti illuminato dal meraviglioso esempio offerto da Mons. Francesco Sgalambro durante la sua permanenza nella Diocesi di Cefalù. Consegnato al Vescovo di Patti il libro " Si mise a camminare con loro", commenti ai Vangeli delle domeniche e delle solennita' dell' anno C, con dedica della co- autrice Claudia Koll incontrata dal Ten col (ris) Letterio Sciliberto in occasione del ritiro spirituale presso la casa di spiritualità diocesana di Meta di fine luglio. 

A coordinare l' incontro a Patti l' avvocato Silvana Paratore che ha condotto il momento di ricordo/confronto sul presule evocato nei  tratti più significativi del suo ministero sacerdotale e vescovile quali l' umiltà,  la semplicità,  la profonda spiritualita' nonché  nel suo appassionato impegno e compito di presidente del comitato per la canonizzazione della clarissa messinese Eustochia Smeralda Calafato ( prima canonizzazione avvenuta l'11 giugno 1988 e celebrata in Messina da Papa Santo Giovanni Paolo II avvenuta eccezionalmenre fuori dalle mura Vaticane). Data altresì copia di un estratto del profilo biografico di Mons. Francesco Sgalambro curato dal professore di filosofia Don Vincenzo Majuri parroco di Castanea e pubblicato sulla rivista multidisciplinare  Itinerarium .

Mons. Guglielmo Giombanco dopo aver ringraziato il prof. Calogero Centofanti ricordando con commozione la figura di Sgalambro quale persona di grande umiltà, buona, molto colta ed anche di Giorgio La Pira a cui si ispira il movimento messinese , ha dichiarato che occorre annunciare il Vangelo con il cuore che arde per una chiesa nuova e rinnovata nello spirito evangelico ma unita per affrontare le emergenze del tempo che sono indicibili. "Se non si parte dal dialogo col Signore,si vaga invano"... importante diviene percorrere un cammino di ascolto e di dialogo vivendo esperienze di sinodalita'.

Durante l' incontro è emerso che la mitra vescovile di Mons. Sgalambro per volontà della sua famiglia ed in particolare della sorella, è stata consegnata a Mons. Giombanco primo vescovo ordinato successivamente all' 11 agosto 2016 data in cui Mons. Sgalabro raggiunse la Gerusalemme in cielo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ricordo del Pio Transito di Monsignor Sgalambro, pergamena al vescovo di Patti

MessinaToday è in caricamento