Attualità Lipari

E' morto a Sidney l'eoliano doc Bartolomeo Randazzo, trasformò le pietre di Filicudi in pegno d'amore

La straordinaria storia d'amore di un emigrante che portò con se un enorme “cutu” come promessa per la sua innamorata Gloria. Una storia rimasta nel cuore degli isolani. Che lo ringraziano ancora per i semi che ha spedito dall'Australia fino all'ultimo giorno della sua vita

E' morto a Sidney Bartolomeo Randazzo. Aveva novant'anni  e viveva in Australia ormai da anni ma non ha mai dimenticato la sua terra, le isole Eolie. La sua gente lo ricorda ancora con affetto, legato soprattutto ad una storia d'amore commovente che fa parlare anche... le pietre.

Un tempo, infatti, e anche grazie a lui, le pietre di Fiicudi sono diventate pegni d'amore. Ecco la sua storia raccontata da Iona Bertuccio, filicutana per amore.

In ricordo di Bartolomeo Randazzo e delle pietre pegno d'amore

Subito dopo le due guerre mondiali l'emigrazione verso l'Australia fu massiccia. Gli eoliani, poverissimi partivano soli e poi richiamavano i familiari. I ragazzi partendo lasciavano alle fidanzate un pegno d'amore speciale: una pietra di mare, un cutu. Erano quelle pietre che sulla battigia erano accarezzate dalle onde mille e mille volte. Il ragazzo sceglieva un cutu e lo regalava alla ragazza che restava in attesa dell'atto di richiamo. Con quella pietra il fidanzato voleva lasciare tante carezze quante il mare ne aveva date alla pietra. Quando la ragazza fosse partita per l'Australia, spesso già sposata per procura, portava con se il pesante pegno d'amore.

Bartolomeo Randazzo era un salinoto allegro, entusiasta della vita ed innamorato di Gloria La Cava, un bellissima ragazza di Filicudi. Quando partì per l'Australia si scelse il pegno d'amore: una bellissima pietra grigia ovale grande quanto il suo amore. Molto grande e molto pesante. Dopo aver sposato Gloria ha faticato tanto per trovare un amico che la portasse a Sydney. La tenne tutta la vita in suo back yard in bella vista: fu sempre il più grande cutu d'Australia.  

Gli australiani di origine eoliana hanno bellissime care con un giardinetto davanti la casa dedicato ai fiori. Il grande giardino dietro casa, il back yard, è dedicato all'orto, a qualche albero da frutto. Bartolomeo aveva tanta cura del suo back yard che faceva di tutto il tutte le stagioni. Seminava ogni anno i semi che s'era portato dalle Eolie e li riproduceva. Ogni volta che andavo a trovarlo (nel breve tempo che ho trascorso in Australia) mi regalava sempre semi: fagioli, basilico, zucche.... A volte ne mandava ad altri amici di Filicudi.

Addio caro amico d'Australia! Tu vivrai sempre nell'affetto dei tuoi figli e dei tuoi nipoti, ma anche nei semi che sono tornati a Filicudi o in quelli che sono germogliati in California!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' morto a Sidney l'eoliano doc Bartolomeo Randazzo, trasformò le pietre di Filicudi in pegno d'amore

MessinaToday è in caricamento