Attualità

Museo della moto di Castroreale, Linda Caruso a tutto gas

La presidente dell’Associazione Culturale Nobil’ Art Eventi Made in Italy, curatrice istituzionale del museo che ospita la storia dei motori a due ruote

Linda Caruso

Avrà un “curatore istituzionale” il Piccolo Museo della Moto di Castroreale. Si tratta di Linda Caruso alla quale è stato affidato il compito di riqualificare lo spazio all'interno del quale opera, promuovendone l’attività e contribuendo in tal modo alla promozione del territorio sia in campo nazionale che internazionale.

La notizia segna una svolta epocale perché, fino a questo momento, nessuna donna aveva mai svolto questo ruolo in campo motoristico ritenuto appannaggio esclusivo della componente maschile grazie all'erronea convinzione che donne e motori fosse un binomio incompatibile con l’argomento trattato.

Ma Linda Caruso non è nuova al panorama motoristico. Presidente dell’Associazione Culturale Nobil’ Art Eventi Made in Italy, (attiva nei settori dell’arte cinema, istruzione, moda sport – sociale e spettacolo) la Caruso è una donna dalle straordinarie capacità organizzative che sa destreggiarsi sapientemente in fase di promozione organizzazione e sviluppo di eventi in campo culturale artistico e sportivo. Il suo motto è da sempre l’eccellenza per l’eccellenza al fine di valorizzare al meglio il territorio in cui opera.

Un valore aggiunto, dunque, per il Piccolo Museo della Moto e per il borgo di Castroreale, secondo classificato ai Borghi più belli d’Italia, che da oggi potrà contare, ancora più di prima, su competenza, professionalità e quel pizzico di eleganza, che non guasta mai.

Il "Piccolo” museo inaugurato nell'estate del 2017, in realtà è una “grande” eccellenza per l'antico centro aragonese. E non solo perchè custodisce delle vere rarità nel panorama internazionale. Una delle motociclette in mostra, battezzata “Barunissa” in quanto ispirata alla tragica vicenda della baronessa Laura di Carini, è considerata una delle moto più belle del mondo per la raffinatezza del design e la rara cura dei particolari come il sedile e i comandi realizzati in radica d’ulivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Museo della moto di Castroreale, Linda Caruso a tutto gas

MessinaToday è in caricamento