Attualità

Mondo della musica “congelato” dal coronavirus, Gianuca Rando: “Tour rimandato e faccio dirette per sentire vicino il pubblico ”

Ogni sera un appuntamento per eseguire le richieste di chi lo segue: "Grazie ai social sento questo contatto quasi fisico con la gente che mi scrive". In arrivo un intero concerto social e una sorpresa insieme al bassista di Mina

Gianluca Rando

Flash mob nei balconi, video musicali di gruppi con performance registrate a distanza e dirette social sempre in aumento. Si cerca di esorcizzare la paura da coronavirus attraverso la musica, perché è il linguaggio universale che unisce sempre. Spente le luci  però si deve fare i conti con la realtà e i professionisti dello spettacolo attualmente tagliati fuori dal mondo del lavoro con teatri chiusi e locali di musica dal vivo con le saracinesche abbassate ne sanno qualcosa. 

Ne abbiamo parlato con Gianluca Rando, un professionista,  un veterano della musica dal vivo,  che per l’emergenza in corso ha dovuto interrompere il tour di presentazioni di “Blu”, il suo ultimo album. Come tutti il noto chitarrista è chiuso in casa e ogni sera dal suo studio regala dirette musicali a chi lo segue, dove suona gli strumenti che lo hanno accompagnato durante la sua carriera prima di approdare ai grandi palcoscenici, perché si sa la musica è sempre un buon antidoto per non pensare e per regalare emozioni ad un pubblico che ascolta: “Io non sono il tipico  musicista da studio, però mi reputo fortunato in questo momento sto lavorando scrivo, compongo, lavoro per terzi e  mi dedico alle produzioni di altri artisti che erano state messe da parte per la promozione del disco”. Ma da dove nasce l’idea di fare queste dirette?  “In questo momento ciò che mi manca di più è il contatto con il mio pubblico, perché  un artista senza pubblico non è niente. Mi manca il rapporto con la gente, stringersi la mano, abbracciarsi, non eravamo preparati a tutto questo. Da quando è uscita la notizia che i teatri sarebbero stati chiusi e ho comunicato che i miei impegni sarebbero saltati o comunque rimandati, molti fan e amici mi hanno contattato chiedendomi di fare delle dirette ed io ho deciso di creare questi appuntamenti ogni giorno alle 18”. 

“Blu”, arriva l’album dei sentimenti profondi del chitarrista Gianluca Rando

“Io non amo fare concerti da solo, senza un pubblico che  mi ascolta- ci tiene a specificare l’artista-  mi inibisce suonare davanti ad una telecamera e non avere un pubblico. Ogni sera suono un brano diverso, eseguo le richieste fatte da chi mi segue e mi fa sentire più vicino a loro, grazie ai social sento questo contatto quasi fisico con la gente che mi scrive”.

Certo il “blocco” del mondo dello spettacolo causato dal coronavirus ha creato non poche conseguenze economiche e logistiche per tutti come per Rando: “ Dopo il mio rientro da Sanremo, c’erano tanti progetti per la presentazione dell’album  con tappe a Milano,Bologna,Genova, Torino, Matera, fino alla cerimonia per la consegna di un premio a Cinecittà legato all’uscita del disco”. Tutto saltato al momento e posticipato: “Se un tour si ferma con lui si ferma tutta la macchina organizzativa, la pubblicità e i promoter e questo crea disagio, non mi lamento perché esco da un tour fortunato ma per ora è tutto in stand by".

Gianluca Rando a Sanremo per presentare Blu: "Un'emozione incontenibile"

 Certo accanto ad artisti che riescono a lavorare da casa con produzioni ed altro , c’è chi vive solo di spettacoli live e in questo periodo attraversa una condizione drammatica, perché senza live non ha  un’entrata che gli consenta di affrontare le spese quotidiane. “I piccoli e  grandi locali così come i piccoli  e grandi teatri sono chiusi, noi artisti  siamo tutti  nella stessa situazione e  per chi vive di questo è dura soprattutto se non ha altre opportunità di lavoro- continua Rando- ci sono colleghi che fanno solo live, capisco cosa significa stare a casa e non guadagnare ci si sente frustati e messi da parte. La speranza è che tutto possa finire e che  i primi a riprendere in mano la situazione siano quelli che in questi mesi sono stati fermi e senza lavoro”.

Ma la musica non si ferma è l’ossigeno degli artisti e Gianluca Rando annuncia già di voler registrare un nuovo album live, non si esclude l’uscita di un brano ispirato alla tragedia che stiamo vivendo e non mancherà la possibilità di fare un concerto intero in diretta Facebook e una grande novità per chi lo segue: “ In questi giorni uscirà un video dove mi esibirò con Massimo Moriconi, il leggendario bassista di Mina, stiamo lavorando insieme all’arrangiamento di un brano”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondo della musica “congelato” dal coronavirus, Gianuca Rando: “Tour rimandato e faccio dirette per sentire vicino il pubblico ”

MessinaToday è in caricamento