Attualità Novara di Sicilia

Novara di Sicilia, il trionfo della pietra nel borgo più bello d’Italia

Dall'etimologia del nome al fascino della Rocca. Cosa mangiare e cosa visitare nella città d'arte che non smette di incantare i turisti

Tra i borghi più belli d’Italia c’è anche Novara di Sicilia. Il paese del trionfo della pietra si trova a 650 metri sul livello del mare. Conta 1753 abitanti (1000 nel borgo) i suoi patroni sono: Maria SS. Assunta e  Sant’Ugo Abate che si festeggiano rispettivamente il 15 e 16 agosto.

Il nome 

Un nome dalla storia affascinante che lo si fa risalire a Noa, vocabolo di origine sicana, che significa “maggese"  in relazione alla copiosa produzione  di frumento durante la colonizzazione greca. Il nome con i romani diventò Novalia (campo di grano) e con gli arabi fu Nouah (giardino, orto, fiore). In epoca medievale si chiamava Nucaria, Noara, per poi giungere al nome odierno.

Divertimenti 

Cosa fare a Novara? Sicuramente rilassanti  passeggiate a cavallo, trekking, escursioni nella pineta Mandrazzi, tiro al piattello, tennis, gioco della trottola. Da ammirare restano i paesaggi incontaminati in cui godere della bellezza della natura. Non si può non andare alla  “Rocca di Novara”. La cittadina è una “città d’arte” che vive di turismo e che attrae i visitatori soprattutto per il percorso dei mulini ad acqua. Si evidenzia anche un recupero dei lavori artigianali che rischiavano di essere abbandonati


Cosa visitare

Tanti i  siti da visitare  in un territorio caratterizzato dall'uso massiccio della pietra a testimonianza dell’arte dello scalpellino. Restano i ruderi dell'’antico castello saraceno. In un luogo in cui abbondano le chiese la più antica e piccola è quella di San Francesco del XIII secolo. Da annoverare anche  la chiesa dell’Annunziata del  XVII secolo, 
 la chiesa di Sant’Ugo Abate del  XVII secolo.  E ancora la chiesa di San Nicolò  e  le chiese monumentali di San Giorgio Martire e di Sant’Antonio Abate. Di origine  cinquecentesca  la chiesa di Sant’Antonio. Tra gli edifici ci sono: il palazzo Municipale (ex Oratorio di San Filippo Neri), il palazzo Stancanelli  e il palazzo Salvo Risicato e  casa Fontana . Da non perdere  il Mulino ad Acqua Giorginaro; la Rocca di Novara; il Museo del Duomo di Santa Maria Assunta e il Tesoro del Duomo. Si consiglia di fare un salto al Museo etno-antropologicoa a palazzo Stancanelli,  si potranno osservare oggetti legati alla cultura contadina, alla pastorizia e all’artigianato.

Piatto tipico e tradizioni culinarie locali

Il piatto tradizionale preparato a ferragosto è la pasta ‘ncasciada condita con ragù di vitello e castrato, polpette sbriciolate, melanzane, uova e pan grattato.  Da assaggiare anche lempi e trori (lampi e tuoni), con fagioli, cicerchia, granoturco, lenticchie e grano bolliti e conditi.  Trai piatti forti c'è il gusto deciso dei  frittui, carne di maiale mista a lardo, lessa insieme a cotiche, trippa, polmone, cuore, fegato dello stesso maiale.  Ma le pralibatezze culinarie non finiscono qui: tipico del luogo è il maiorchino, un particolare formaggio pecorino stagionato da più di otto mesi-Tra le altre specialità: la ricotta infornata, le provole, le nocciole e squisiti dolci a prova di dieta: u risu niru (riso mescolato a nocciole tostate con aggiunta di cacao, caffè, buccia d’arancia candita e cannella), i cassatelli (frolle con impasto di fichi secchi, miele, cannella, nocciole), i raviiò (ravioli fritti di pasta umettata con vino, ripieni di ricotta fresca profumata di cannella), a pignurada (un impastato di frolla tagliata a dadini e fritta) e i “diti d’apostolo” (iiditi d’aposturu),  cannolo di ricotta con l’involucro di pasta ricoperto di glassa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara di Sicilia, il trionfo della pietra nel borgo più bello d’Italia

MessinaToday è in caricamento