rotate-mobile
Attualità

Carenza di urologi all’Ospedale di Taormina, interrogazione della Amata

Al San Vincenzo si segnalano difficoltà nelle attività di degenza e reperibilità, la capogruppo di FdI chiede “interventi urgenti in vista della stagione estiva che dopo due anni di pandemia porterà nella capitale siciliana del turismo numeri importanti di viaggiatori”

Con l’arrivo della stagione estiva si fa sempre più pressante la richiesta di sanità nella zona jonica del messinese. Soprattutto all’ospedale di Taormina si segnalano alcune difficoltà, una delle quali è stata sollevata da Elvira Amata, capogruppo all’Ars di Fratelli d’Italia che ha presentato una interrogazione urgente al presidente della Regione e all’assessore alla Salute Ruggero Razza chiedendo di “garantire l’immediata ripresa delle attività di degenza e di reperibilità della unità di urologia dell’Ospedale San Vincenzo di Taormina, riferimento sanitario territoriale per la popolazione dell’area Jonico Etnea”. 

“A causa della mancanza di specialisti, fatto questo conosciuto da tempo ai vertici dell’Asp - ricorda Amata –  il servizio è stato interrotto. In atto sono disponibili appena due dirigenti medici urologi, con la conseguenza che sono stati bloccati gli interventi ed i ricoveri”. “Da tempo seguo la situazione del reparto di urologia dell’ospedale di Taormina – sottolinea Amata - una unità che funziona bene da anni al servizio del territorio e punto di riferimento per una vasta area che arriva anche a cittadine dell’area catanese etnea. Dopo anni di servizi sanitari efficienti, non vorremmo che una decisione al momento temporanea diventasse definitiva a causa della inerzia e della mancanza di programmazione dei vertici dell’Asp di Messina che non riescono a risolvere il problema della carenza di medici urologi”. La capogruppo di Fratelli d’Italia chiede di sapere “quali interventi urgenti si stanno portando avanti per garantire l’immediata ripresa di tutte le attività di urologia dell’ospedale di Taormina, anche in considerazione dell’avvio della stagione estiva che dopo due anni di pandemia promette di riportare nella capitale siciliana del turismo numeri importanti di viaggiatori”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di urologi all’Ospedale di Taormina, interrogazione della Amata

MessinaToday è in caricamento