rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Arte

Quei quadri che vengono dal mare, l’essenza dello Stretto nelle opere di Aurelia Campolo

Conosciamo da vicino gli scatti di incanto olio su tela dove l'artista messinese immortala le bellezze del territorio e non solo

Colori, suggestioni e impressioni regalate all’eternità attraverso quelle immagini che incarnano l’essenza dello Stretto di Messina e oltre. Tutto questo e non solo racchiudono le opere della pittrice e artista messinese  Aurelia Campolo, tornata a vivere in città dopo la lunga permanenza in Lussemburgo.  

La sua è la storia di  un amore incondizionato per l’arte e per la sua terra che si fondono per diventare una cosa sola. “Amo dipingere da sempre, ho fatto il liceo artistico in città e successivamente ho vissuto  in Grecia e poi in Lussemburgo fino al 2016. Qui oltre a dipingere il mio mare, disegnavo abiti per le donne del Parlamento”, racconta.

Dopo la carriera professionale all’estero la decisione di tornare nella sua Messina  dove dipinge  quei quadri che sembrano arrivare direttamente dal mare. Scatti di incanto olio su tela che fanno sognare: il Pilone, le spiagge di Torre Faro, Mortelle, San Saba, le conchiglie che attraverso una finestra e una lente di ingrandimento diventano un quadro nel quadro e  ancora Ganzirri, Le Gole dell’Alcantara e l’Etna,  solo per citarne alcuni. Ultime creazioni i paesaggi astratti : “I miei quadri nascono dalle lunghe passeggiate che adoro fare al mare, vengo ispirata dalle emozioni del momento e dai ricordi della mia infanzia in questi luoghi. I colori sono quelli caldi del sud  tra cui il giallo e quelli del mare come il blu, non uso mai il nero. Nei miei dipinti spazio anche al mare della Grecia dove ho vissuto”.

L’artista che disegna e realizza anche abiti artigianali e sogna di aprire un laboratorio in città ha vinto nel maggio scorso un concorso di pittura al Comune di Messina con premiazione al Salone delle bandiere e  sta già lavorando ad una nuova esposizione su cui non può ancora rivelare nulla, dal suo rientro a Messina ha partecipato a numerose esposizioni: Biblioteca Maurolico, Galleria D'arte Ex Pescheria, Barcellona Pozzo, Palazzo Della Cultura Antonello Da Messina, Chiesa S.Antonio di Padova del Castello di San Marco Calatabiano, Piazza Cotugno Ganzirri ( Messina), Ordine Dei Medici e ha esposto in numerose altre location. In cantiere nuove creature per l'artista messinese che si sta preparando per incontrare ancora una volta il suo pubblico incentrandosi adesso sulla pittura astratta.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quei quadri che vengono dal mare, l’essenza dello Stretto nelle opere di Aurelia Campolo

MessinaToday è in caricamento