Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

Raccolta fondi per Paolo, De Luca: "Tutta la giunta donerà un mese di indennità"

Il primo cittadino aderisce insieme ai suo assessori all'appello che il 27enne ha lanciato su Messina Today per trovare i soldi necessari a curare un rarissimo tumore negli Stati Uniti. "Servono 600mila euro, finora ne sono stati donati 50mila"

La città si è stretta attorno a Paolo Chillè, il 27enne che dal 2016 combatte contro un tumore rarissimo curabile solo negli Stati Uniti con un intervento che costa 600.000 euro. Due settimane fa Paolo aveva lanciato il primo appello alla città su Messina Today, in poco tempo la mobilitazione di tanti messinesi che hanno avviato una raccolta fondi e mostrato solidarietà al ragazzo.

All'appello non è rimasto indifferente neanche il sindaco Cateno De Luca che già nei giorni scorsi aveva ricevuto a Palazzo Zanca la madre di Paolo. Il primo cittadino. infatti, ha annunciato che donerà un mese della sua indennità insieme a tutti i suoi assessori. Lo ha annunciato lo scorso venerdì intervendo al terzo Memorial dedicato a Lorena Mangano, che ha visto protagonisti,  sul sintetico del Despar Stadium,  la nazionale italiana donatori organi, le vecchie glorie del calcio messinese anni 70/80 e il Comando provinciale dei vigili del fuoco gruppo sportivo “G. D’Amico” con la partecipazione della Polizia di Stato“.

All'evento c'era anche Paolo che ha potuto incontrare il sindaco e ricevere ancora una volta l'affetto di tanti suoi concittadini. "Sono molto contento - racconta - di tutta questa vicinanza. Il sindaco De Luca è una persona molto buona e mi sta aiutando. E' davvero emozionante vedere tutto questo interesse nei miei confronti, mi dà ancora più carica per poter vincere questa battaglia".

La raccolta fondi intanto prosegue. "Siamo arrivati a 50mila euro - spiega Paolo - la strada è ancora lunga, ma piano piano arriveremo all'obiettivo. Mi aspetto un aiuto concreto anche dalle istituzioni, finora ha risposto solo il comune. Al momento la Regione ha chiesto di produrre un attestato che accerti l'inoperabilità della malattia".
 

L'appello lanciato da Paolo

Nel marzo di tre anni fa, Paolo Chillè ha scoperto di avere un tumore raro, chiamato sarcoma fibromixoidale,  che in poco tempo si è diffuso in quasi tutto il suo corpo. Ha girato tanti ospedali italiani, ma è stato tutto inutile. Paolo non si è arreso e, grazie anche all'aiuto di internet, ha trovato il rimedio che potrebbe salvargli la vita. Una nuova cura sperimentale che ha già avuto successo, praticata però dall'altra parte del mondo. La terapia, infatti, è disponibile solo negli Stati Uniti e precisamente in un centro sanitario all'avanguardia di Houston. Un viaggio che per Paolo potrebbe essere l'ultima speranza. Ma c'è uno scoglio da superare: il costo del trattamento sanitario che sfiora i 600mila euro.

Chi volesse contribuire alla raccolta può utilizzare le seguenti coordinate bancarie:

BANCA UNICREDIT 
IT66N0200816530000105593477
Intestato a CHILLE’ PAOLO 
Causale: DONAZIONE PER PAOLO

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta fondi per Paolo, De Luca: "Tutta la giunta donerà un mese di indennità"

MessinaToday è in caricamento