Attualità

Sette famiglie per sette cani, Sos dal rifugio di Don Blasco: ecco i pelosetti che cercano casa

Entro il 7 marzo la chiusura della storica struttura e il trasferimento degli ospiti rimasti al canile comunale Millemusi. Le volontarie lanciano campagna adozioni last minute per Pimpa, Barbie, Tim... "Dopo tanti anni vorremmo che trovassero finalmente casa"

“Servono adozioni, servono famiglie disposte ad accoglierli, serve il vostro aiuto”. Dovranno lasciare entro il prossimo 7 marzo  lo storico “Rifugio Don Blasco” i 15 cani attualmente presenti nella struttura comunale,  alcuni di loro hanno già trovato una casa o un stallo al nord, gli altri sette sono in attesa di trovare un padrone che doni loro tutto l’amore di cui hanno bisogno, altrimenti verranno trasferiti nel canile comunale  Millemusi a Castanea. 

A raccontarci  la storia di questi pelosetti che hanno vissuto tutta la loro vita nella nota sede,una giovane volontaria,  Altea Triolo,   lei è tra le 15 “mamme” che fino ad oggi si sono prese cura dei cani comunali, ne conoscono pregi,  vizi e carattere e lasciarli andare sarà un colpo al cuore: “Mi occupo di loro da sei anni – afferma- ma ci sono volontarie storiche che stanno qui da quindici anni. Abbiamo sempre saputo che questa era una struttura di emergenza non attrezzata e adesso è arrivato il momento di andare via. Siamo felici dell’aiuto dell’Amministrazione comunale che ha predisposto l’eventuale trasferimento al canile Millemusi attrezzato e sicuramente idoneo.  Ma dopo tanti anni in canile vorremmo che loro riuscissero a trovare finalmente  un padrone, una figura di riferimento”. 

Ai cani rimasti al momento senza casa non è mai mancato nulla, hanno sempre avuto la pancia piena tutti i giorni, coperte pulite, materassi, cuscini,cure mediche e visite regolari,  ma soprattutto non sono mancate  le passeggiate al mare e  le coccole: “ Ci fa soffrire doverci separare da loro - continua- se dovessero essere trasferiti al Millemusi come è successo prima ad altri  cani so che sarebbero in buone mani e potremmo andare a trovarli quando vorremmo, ma per il benessere dei cani arrivati qui da cuccioli vorremmo che riuscissero a trovare un posto in una famiglia vera”.

Conosciamo meglio  i cani tutti regolarmente vaccinati  in cerca di adozione in tutta Italia: Zecca è nata  nel 2013 timida e paurosa ma basterebbe davvero poco per farla diventare affettuosissima; Mais del 2018 è chiaro dalle orecchie scure va d’accordo con maschi e femmine; Barbie del 2011 taglia media dalla simpatica barbetta è una super coccolona; Maggio del 2012 ama il cibo e va d’accordo solo con le femmine; Francuccia del 2015 timida ma agile come un cerbiatto; Pimpa del 2011 ama giocare ed è molto socievole; Tim del 2011 adora  il sole ed è buonissimo.

I cani del Don Blasco

Il rifugio in questi anni si è alimentato di donazioni e ha realizzato  gadget per pagare soprattutto le cure mediche dei cani ed eventuali viaggi per trasferimenti fuori Messina : “Siamo in buona parte studentesse e lavoratrici-continua- ci siamo sempre organizzate con i turni. Quando riusciamo a farli adottare se ne va un pezzo di noi sappiamo  tutto di loro,  perché sono sempre stati trattati come se fossero nostri. Ci riconoscono, capiamo quando stanno male e conosciamo a memoria ogni loro abitudine”. 

Fare i volontari è una vocazione ma sopratutto uno stile di vita,  ogni sacrificio è ripagato attraverso l’amore incondizionato che solo gli animali sanno dare: “L’esperienza del Don Blasco ci lascia un senso di famiglia -conclude emozionata- non solo attraverso il clima che abbiamo creato con i cani ma anche tra noi volontarie. Sarà diffcile tagliare il cordone  abbiamo le lacrime occhi, ma non abbandoneremo mai i nostri cani. Anche da lontano gli adottati avranno sempre il nostro supporto”. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sette famiglie per sette cani, Sos dal rifugio di Don Blasco: ecco i pelosetti che cercano casa

MessinaToday è in caricamento