rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Attualità

Termodinamica, l'università capofila di un importante progetto di ricerca europeo

Il professore Demetrio Milea del gruppo di chimica analitica coordinerà un network di 52 atenei, centri di ricerca pubblici e privati, piccole e medie imprese e multinazionali provenienti da 18 paesi da tutto il mondo

L’università è capofila di un importante progetto europeo nel settore della Termodinamica e degli equilibri di chimica ed un docente coordinerà un network di 52 università.

L’organizzazione europea Cost (European Cooperation in Science and Technology) ha appena diffuso i risultati dell’ultima chiamata. Uno dei 40 progetti finanziati vede l’Ateneo peloritano come capofila europeo e principale propositore di Nectar, network for equilibria and chemical thermodynamics advanced research. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere la ricerca avanzata nel settore della termodinamica chimica e degli equilibri chimici, stimolando la creazione di un network europeo ed internazionale in grado di combinare perfettamente ricerca di base ed applicata, rispondendo alle esigenze di ricercatori e final stakeholders.

Il professore Demetrio Milea del gruppo di Chimica analitica, speciazione chimica ed analisi di equilibrio del dipartimento Chibiofaram, guidato dai professori Silvio Sammartano e Concetta De Stefano, coordinerà un network iniziale di ben 52 tra università, centri di ricerca pubblici e privati, piccole e medie imprese e multinazionali provenienti da 18 Paesi, in particolare da Australia, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Malta, Polonia, Portogallo, Slovenia, Spagna, Svizzera, Turchia, Ucraina e Stati Uniti. Inoltre si aggiungeranno altri membri nei prossimi 4 anni di attività di Nectar.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termodinamica, l'università capofila di un importante progetto di ricerca europeo

MessinaToday è in caricamento