Attualità

"L'Uliveto della Memoria", a Tusa una pianta della speranza per le generazioni future

Gesto simbolico di rinascita per sensibilizzare opinione pubblica dopo gli incendi dolosi del passato. Inaugurazione sito dedicato a Padre Pino Puglisi e alle vittime di tutte le mafie e contro ogni vittima della barbarie umana

Foto repertorio

E' ufficiale mercoledì 27 gennaio verrà ufficialmente inaugurato a Tusa "L'Uliveto della Memoria". Progetto a scopo benefico che nasce grazie all'impulso del  Comitato”La Torre del Arte e del Gusto – Gruppo Salamone” di Castel di Tusa e presieduto dall'imprenditore Placido Salamone, discendente da una nobile famiglia siciliana.

Scopo dell' Uliveto della Memoria, pianta la speranza” è sopratutto trasmettere un messaggio  sociale teso a smuovere le coscienze dopo i distruttivi incendi dolosi degli anni passati che hanno privato la comunità nebroidea e siciliana di parte del proprio patrimonio arboreo. Questo vuole essere un messaggio di speranza per le  generazioni future attraverso un gesto simbolico di rinascita e ricrescita. Tutto è cominciato con  l’organizzazione di un evento benefico  il 24 settembre del 2018, dal forte impatto mediatico  per   ottenere i fondi sufficienti per l’acquisto di un centinaio di piante d’ulivi (simbolo benevolo di fratellanza ed amore verso il territorio siciliano) da donare al Comune di Tusa con l’impegno  di costituire in territorio comunale, un parco alberato a memoria dei disastri e del giorno della rinascita. Il sito sarà dedicato a Padre Pino Puglisi e alle vittime di tutte le mafie e contro ogni vittima della barbarie umana.

 Il successo dell’iniziativa svoltasi il 24 settembre 2018, patrocinata da prestigiose istituzioni quali la Fondazione Elisabeth De Rothschild ed il Giornale di Sicilia, supportata da note aziende siciliane e personalità del mondo delle cultura come donna Costanza Afan de Rivera Costaguti Florio e Giuseppe Giaconia di Migaido, dallo scrittore Vittorio Lo Jacono, dal presidente dell'Ordine dei Giornalisti di Sicilia, Giulio Francese e da noti personaggi del mondo dello spettacolo e del cinema come Valentino Picone, Salvo Piparo, Sergio Vespertino e Marco Maria Correnti, ha consentito il raggiungimento dello scopo, permettendo una disponibilità di cassa per l’acquisto dei 110 alberelli di ulivo di varietà locale destinate alla piantumazione in area da destinare. I passaggi successivi sono stati la costituzione in seno alla Torre del Gusto, del Comitato scientifico “Progetto Uliveto della Memoria, Pianta la speranza” al fine di coordinare i vari step di realizzazione del progetto che oggi sembra aver concluso il primo obiettivo con la nascita in c.da San Luca, nell' area demaniale del comune di Tusa del parco ulivetato.

“Un importante segnale di speranza – dichiara Placido Salamone – non a caso annunciato nel giorno della memoria e nel ricordo della compianta Donna Costanza Afan de Rivera, la cui famiglia è ancora nel ricordo per il notevole aiuto dato comunità  ebraiche romana  durante le terribile persecuzioni naziste,  e fortemente voluto dalla Torre del Gusto e dal mio Gruppo sinergico che adesso lavorerà in collaborazione con l’ente locale e le associazioni di volontariato per rendere questo parco, un giardino rigoglioso e la memoria vivente di come in Sicilia il vento dell’amore e della fratellanza che soffia nei cuori di tanti non verrà mai sopraffatto  da chi impiega la violenza e la paura come strumenti di assoggettamento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'Uliveto della Memoria", a Tusa una pianta della speranza per le generazioni future

MessinaToday è in caricamento