Mercoledì, 4 Agosto 2021
Attualità

Ultima notte dell’anno, i 14 riti portafortuna più diffusi a San Silvestro

Gettare roba vecchia dalla finestra, mangiare lenticchie con le le mani e chi più ne ha più ne metta. Viaggio tra consuetudini propiziatorie per scacciare la malasorte

Si avvicina la notte di San Silvestro e con questa la voglia di aprire le porte ad un nuovo anno con la speranza che cancelli tutto ciò che il 2020 si lascia alle spalle: pandemia, crisi economica e sociale e chi più ne ha più ne metta.  

A prescindere da tutto l’ultima notte dell’anno ha in sé qualcosa di magico e niente può essere lasciato al caso: dalla tavola al menù della cena, senza tralasciare le decorazioni. Accanto a chi cura questi piccoli dettagli c’è però chi , soprattutto al sud, festeggia l’arrivo del nuovo anno con riti portafortuna o semplicemente vecchie abitudini che sono diventate delle vere e proprie consuetudini: gettare roba vecchia dalla finestra, mangiare le lenticchie o 12 chicchi d’uva. Si tratta solo di superstizione? Tra scettici e scaramantici, i riti per allontanare la malasorte sono tanti, vediamo insieme quali sono i più diffusi.

Cosa mettere in tavola a Capodanno

Immancabili le lenticchie, simbolo di prosperità e quindi di denaro. La tradizione vuole che mangiarle da sole o con cotechino possano favorire guadagno, meglio se mangiate con le mani. Direttamente dalla Spagna arriva la credenza che mangiare 12 chicchi d’uva nera  a mezzanotte, uno per ogni mese dell'anno che sta arrivando, garantirebbe l’entrata di denaro. In tavola non può mancare la melagrana simbolo di fertilità. Per allontanare  la malasorte non si può rinunciare al peperoncino. E se non bastasse per allontanare gli spiriti maligni in Irlanda si getta una pagnotta di pane contro il muro. Inoltre si può anche donare una piccola scatola contenente sale che rappresenta il cibo, una moneta che simboleggia la prosperità e un pezzo di carbone che esprime il calore.

Rituali scaramantici

Il bacio sotto il vischio è un classico di buon auspicio per le coppie già nate e per l’inizio di un nuovo amore. Particolarmente diffusa in Sicilia la consuetudine a non cominciare nessun lavoro manuale  nè tantomento lasciarlo in sopseso l’ultima sera dell’anno, l’accensione del fuoco inoltre è simbolo di energia per questo si accendono i fuochi. Cosa indossare a Capodanno? Per la notte biancheria intima rigorosamente rossa,  la mattina dopo si dovrebbe indossare un capo di abbigliamento nuovo. La tradizione vuole inoltre che l’ultima notte dell’anno ci si liberi delle cose negative del passato da qui la tendenza a buttare oggetti vecchi e addirittura a gettarli dalla finestra. Rompere i piatti? Scaccerebbe via i demoni, si può rompere inoltre un solo bicchiere dopo il brindisi. Poco prima della mezzanotte inoltre si dovrebbe aprire la finestra di una stanza buia per far uscire gli spiriti maligni e chiudere la finestra di una stanza illuminata per non far uscir fuori quelli del bene. Di buon augurio per amore e soldi è quello di accendere per tutta la notte una candela verde, una bianca e una rossa.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultima notte dell’anno, i 14 riti portafortuna più diffusi a San Silvestro

MessinaToday è in caricamento